Secondo appuntamento per “Le forme del Suono” al Conservatorio Respighi di Latina

Secondo appuntamento per “Le forme del Suono” al Conservatorio Respighi di Latina
*Conservatorio Respighi*

*Conservatorio Respighi*

Si è aperta ieri la quinta edizione del Festival di musica contemporanea “Le forme del suono”, del Conservatorio “O. Respighi” di Latina. Particolarmente intensa la prima giornata che ha avuto la sua inaugurazione con la mostra “Anello” di Antonio Capaccio e un primo concerto pomeridiano con docenti e allievi dell’ormai nota istituzione musicale pontina. A suggello di questa apertura, che prelude alla straordinarietà degli eventi che si susseguiranno nei prossimi giorni fino al 31 maggio, è stato il concerto serale al Teatro D’Annunzio del PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble, con percussionisti dei Conservatori di Frosinone Roma e Latina, diretti da Tonino Battista.

Questa sera, venerdì, alle 21 (Auditorium Caetani), è invece previsto il recital del sassofonista Claude Delangle, impegnato fin da ieri in una mastercass al “Respighi”. Il concerto – realizzato con il sostegno di Selmer (importante casa produttrice di strumenti musicali) – prevede l’accostamento di linguaggi della contemporaneità (Berio, Scelsi) a quelli non propriamente contemporanei, ma pur sempre moderni (Debussy).

Nel pomeriggio di oggi (Auditorium Caetani, ore 18) sarà ospite del Festival Francesco Prode, con un concerto che farà incontrare il pianoforte con strumenti elettronici. Tra i brani in programma troviamo “…sofferte onde serene”, composizione di Luigi Nono scritta con Maurizio Pollini tra il 1974 e il 1976. Qui il pianoforte – come viene riportato in una nota dell’interprete – si “espande” attraverso il nastro, che porta in primo piano i dettagli infinitesimi delle sue sonorità.

Ciò che normalmente non si ascolta, o viene normalmente eliminato dalle registrazioni, i rumori, i dettagli del movimento del pedale, diventano inflessioni, parti di un intimo codice di relazione fra l’interprete e il compositore.

Francesco Prode è attualmente considerato uno dei maggiori interpreti di musica contemporanea, vantando collaborazioni con compositori che hanno fatto la storia della musica elettronica e d’avanguardia come Karlheinz Stockhausen, per esempio, Steve Reich e Georg Friederick Haas del quale ha eseguito qualche anno fa, in prima assoluta, una composizione per due pianoforti accordati ad un quarto di tono di differenza e suonati da un solo esecutore.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]