Polacchi accusati di omicidio fermati a Vibo Valentia: giorni fa i carabinieri li avevano localizzati a Terracina

Polacchi accusati di omicidio fermati a Vibo Valentia: giorni fa i carabinieri li avevano localizzati a Terracina

carabinieri terracinaQualche giorno fa erano stati a Terracina e avevano lasciato tracce della loro presenza effettuando una serie di prelievi presso gli sportelli bancomat. Ma l’Interpool li stava seguendo e ha subito informato i carabinieri del capitano Angelo Bello che hanno collaborato alla cattura del 34enne Siek Lukasz Tadeusz e del 33enne Jarota Piotr Slawomir, cittadini polacchi residenti a Londra in fuga dallo scorso 26 aprile perché accusati di aver ucciso un connazionale.

Il mandato di arresto internazionale è stato eseguito dai militari del Norm della Compagnia di Vibo Valentia, in collaborazione con i colleghi di Terracina, Sapri e Scalea e su segnalazione del servizio per la cooperazione internazionale di polizia.

*Tadeusz Lukasz Siek e Slawomir Piotr Jarota*

*Tadeusz Lukasz Siek e Slawomir Piotr Jarota*

I due stranieri, accusati anche di aver sottratto denaro all’altro polacco, dall’Inghilterra si erano spostati prima in Francia e poi in Italia, facendo sempre brevi soste ma continuando ad utilizzare la carta bancomat sottratta al defunto connazionale.

Così avrebbero fatto anche a Terracina, il che ha consentito ai carabinieri del Norm del tenente Felice Egidio, informati dall’Interpool, di localizzarli anche se nel frattempo si erano già spostati a sud.

Alla fine sono stati individuati e fermati a Vibo Valentia dove la fuga si è interrotta.

 

Comments are closed.

h24Social