Pallamano, HC Fondi: il bilancio della stagione 2013/14

Pallamano, HC Fondi: il bilancio della stagione 2013/14

 
pallamano fondiSi è chiusa lo scorso 26 aprile, con la partecipazione alla Poule di ammissione alle semifinali dei Play-off per lo scudetto, la stagione agonistica 2013/2014 dell’HC Fondi. I rossoblù hanno raggiunto un altro traguardo importante nella storia della pallamano fondana, giungendo al sesto posto della classifica nazionale. Dopo l’esaltante stagione precedente in cui gli uomini del presidente Cardinale, nell’anno del ritorno nella massima serie, si qualificarono per i quarti dei Play-off entrando tra le prime otto del ranking nazionale, l’obiettivo della nuova annata agonistica era quello di migliorare questo già brillante risultato; e al termine del campionato, nonostante la strada sia stata lunga e tortuosa, gli atleti fondani ce l’hanno fatta.

Il girone di andata della stagione regolare è stato caratterizzato da alti e bassi, con buone prestazioni interne e cadute inattese in trasferta; il ritorno sulla panchina di Ivano Manzi non aveva dunque sortito gli effetti positivi sperati dalla dirigenza della società. Al giro di boa, con la squadra comunque al secondo posto che le aveva assicurato la partecipazione alla Final-Eight di Coppa Italia, l’esperto tecnico italo-francese ha rassegnato le dimissioni. La società ha così richiamato l’allenatore delle ultime stagioni, Giacinto De Santis, a guidare la squadra. Dopo la sconfitta di Palermo in apertura del girone di ritorno, che l’aveva fatta scivolare al quinto posto in classifica, la squadra ha mostrato maggiore continuità, vincendo sei partite e arrendendosi di misura solo all’imbattibile Junior Fasano. Il secondo posto al termine della regular season è stato seguito da un ottimo inizio di Poule Play-off, che ha consentito ai rossoblù di qualificarsi con due turni di anticipo alla Poule di ammissione alle semifinali; da ricordare l’autentica festa di sport davanti alle telecamere di Rai Sport Uno, in occasione dell’incontro con il Benevento. Nel frattempo, a fine gennaio, l’HC Fondi ha disputato la Final-Eight di Coppa Italia, conclusa al sesto posto dopo le dignitose sconfitte con Pressano e Bolzano e il successo ottenuto nei confronti del Teramo. L’ultimo atto della stagione è stata la Poule di Chieti, dove i ragazzi di De Santis hanno incontrato Pressano e Ambra, perdendo di misura con entrambe dopo aver lottato a lungo alla pari con gli avversari e aver mostrato ottimi sprazzi di gioco.

Ci sono quindi tutti i motivi per giudicare positivamente la stagione, come traspare dalle parole del tecnico fondano: “È stata un’annata particolare perché dopo molti anni non ho iniziato con la squadra ad agosto ma solo a fine 2013; non ho potuto così programmare la stagione secondo le mie idee ma mi sono dovuto adeguare a quello che i ragazzi avevano fino ad allora svolto. Devo dire che con enormi sacrifici da parte degli atleti, dello staff tecnico e di quello dirigenziale, l’anno si è chiuso come meglio non avremmo immaginato ad inizio dicembre. È stata quindi un’annata estremamente positiva, in cui ci siamo giocati l’accesso alle semifinali in due grandi partite contro Pressano ed Ambra, nella poule di Chieti. Abbiamo finito alla grande uscendo a testa alta e lottando alla pari con squadre blasonate, con molta più esperienza e soprattutto con un altro budget alle spalle. Ci abbiamo provato, i ragazzi hanno dato il massimo e, pur sapendo che sarebbe stato difficilissimo passare il turno, siamo rimasti amareggiati dall’esito finale degli incontri; questo fa capire come i ragazzi ci tenevano a far bene provandoci fino alla fine, come dimostrato nella partita contro l’Ambra. L’amarezza non ci toglie tuttavia la soddisfazione per il lavoro svolto in questi mesi e per l’obiettivo raggiunto”. Riguardo l’anno prossimo, l’allenatore rossoblù se la cava con un mediceo quanto salomonico “Purtroppo oggi del doman non v’è certezza”, anche se aggiunge: “Comunque vadano le cose, saremo sempre protagonisti. Con questi ragazzi eccezionali si possono scrivere pagine importanti come sta succedendo ormai dal qualche anno, ed essere arrivati sesti in Italia è come sempre un punto di partenza per un anno ancora migliore”.

Gli fa eco il capitano di tante battaglie Stefano Di Manno: “La nostra stagione è stata sicuramente positiva, in quanto la squadra è riuscita a raggiungere l’obiettivo posto dalla società ad inizio campionato, ovvero quello di migliorare il già storico ingresso tra le prime otto raggiunto nella stagione 2012/2013. Così abbiamo chiuso la regolar season alle spalle dell’imbattuto Fasano accedendo alla Poule Play-off, nella quale siamo arrivati secondi e abbiamo conseguito l’accesso alla mini-poule tra le migliori seconde che sanciva la quarta semifinalista scudetto; chiudendo al sesto posto nella classifica generale nazionale, abbiamo raggiunto un altro importante traguardo per la società”. Il forte pivot fondano si sofferma anche sulle vicissitudini stagionali: “Tutto questo considerando il doppio cambio di allenatore: il primo avvenuto ad inizio stagione quando, a seguito delle dimissioni di Giacinto De Santis, la squadra fu affidata a Ivano Manzi; il secondo avvenuto alla fine del girone di andata, con il ritorno in panca del mister dell’anno precedente. Noi giocatori abbiamo così lavorato con allenatori con visioni tecnico-tattiche molto diverse, cioè con diverse tipologie di allenamento, preparazione atletica, preparazione tattica della partita. Ed inoltre a campionato in corso abbiamo dovuto rinunciare, causa motivi lavorativi, a Vincenzo di Manno, giocatore di importanza assoluta sia in campo che fuori”. Il capitano trae altri spunti positivi dalla stagione: “È stato anche l’anno che ha sancito la definitiva fusione dei più giovani nel gruppo dei senatori della squadra: ragazzi come Onorato Pestillo, Aldo Riccardi, Gianluigi e Daniele Di Cicco, dopo aver lavorato molto già lo scorso anno, in questa stagione hanno avuto maggiori possibilità di giocare e fare esperienza. Penso che questa crescita progressiva dei giovani, che vi è stata e spero possa continuare ancora nei prossimi anni, sia un altro obiettivo fondamentale raggiunto. Infine, vorrei esprimere un plauso a tutta la società che con tanti sforzi e tra mille difficoltà è riuscita anche quest’anno a fare bene e a far risuonare il nome dell’HC Fondi sia a livello locale sia nel palcoscenico nazionale”.

Le parole di De Santis e Di Manno sottolineano ancora la bontà del cammino stagionale dell’HC Fondi, ormai stabilmente tra i top team nazionali: un motivo d’orgoglio per la squadra e per l’intera città. I risultati conseguiti e il Palazzetto sempre più pieno inducono la società a fare un appello all’Amministrazione comunale e a tutti gli sportivi, perché sostengano in maniera concreta la pallamano fondana in modo da far crescere ulteriormente il movimento e consentirgli di compiere passi difficili verso traguardi ancora più ambiziosi e fino a qualche anno fa impensabili.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }