San Felice Circeo, dipendenti in esubero: è braccio di ferro al Tar

San Felice Circeo, dipendenti in esubero: è braccio di ferro al Tar

san felice circeo accesso piazza comuneDipendenti in esubero, il Comune di San Felice Circeo va avanti sulla strada dei licenziamenti e piovono ricorsi. Ad impugnare al Tar l’iter seguito dall’Ente rispetto la sorte di 29 lavoratori, sono le organizzazioni sindacali ovvero la CGIL FP Latina e UIL FPL Latina nelle persone dei rispettivi segretari provinciali Cristina Compagno e Giancarlo Ferrara.

Il braccio di ferro tra i dipendenti ed il Comune dura ormai da mesi  con tanto di occupazione dell’aula consiliare e protesta in trasferta, a Sabaudia quando la giunta Petrucci decise di andare avanti per l’approvazione della nuova pianta organica decidendo in altra sede proprio per l’occupazione. Il dialogo tra l’Ente ed i sindacati, in quell’occasione si era irrimediabilmente incrinato. E visto che le trattative stanno a zero, si è aperta la strada dei ricorsi.

Il primo ricorso

*Il Comune di San Felice Circeo*

*Il Comune di San Felice Circeo*

Si parte, nel primo presentato al Tribunale amministrativo, dal 2012, una lunga ricostruzione da quando cioè il Comune di San Felice Circeo aveva dichiarato il dissesto finanziario e da successivi provvedimenti ovvero le delibere di giunta numero 99, 100 e 101 del primo giugno 2013 con cui l’Ente ha rideterminato, la sistemazione delle competenze, la pianta organica ed il piano del fabbisogno del personale, determine poi “bocciate” o meglio non approvate, come si legge nel ricorso, dalla Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali.

*Giancarlo Ferrara*

*Giancarlo Ferrara*

Tale organo era partito da un presupposto ovvero che la rideterminazione della pianta organica non rispettasse il rapporto dipendenti/popolazione. Determinante, secondo i sindacati anche un altro parere, ovvero quello del Dipartimento della Funzione Pubblica che proprio a seguito di una richiesta dell’amministrazione comunale circa la ricollocazione del personale in esubero aveva inoltrato all’Ente un parere in cui pure si faceva riferimento al passaggio sul rapporto popolazione/dipendenti.

Nel primo ricorso la cronistoria va avanti fino alla revoca delle tre determinazioni  che nel frattempo erano state oggetto di proteste e si arriva al 17 gennaio 2014 quando con una nuova determinazione, la numero 11 “in modo del tutto unilaterale – si legge nel ricorso – e sull’assunto di un presunto e preteso ma inesistente mancato accordo intercorso in precedenza con le organizzazioni sindacali ha approvato – in riferimento alla giunta – anche i pretesi criteri per la determinazione dei dipendenti da dichiarare in eccedenza”.  Il 6 marzo nuova batosta. Viene consegnata ai sindacati la graduatoria del personale da dichiararsi in esubero, una proposta di determinazione per l’approvazione definitiva della graduatoria stessa, pervenuta anche questa secondo Cgil e Uil senza un vero e proprio confronto.  La graduatoria provvisoria viene approvata solo qualche giorno dopo con determinazione del segretario comunale. Il silenzio del Comune rispetto alle possibili trattative, questo lamentano in sindacati, e sui criteri con cui di fatto sarebbe stata redatta la black list ha quindi spinto Cgil e Uil a presentare ricorso nei confronti del Comune per condotta antisindacale. E questo è il primo.

Il secondo ricorso

fp-cgil-Con il secondo ricorso, cade un’altra tegola. A presentarlo sono sempre la CGIL FP Latina e UIL FPL Latina, a rappresentare le organizzazioni sindacali i legali  Angela Minutillo e Giuseppe Bortone. In questo caso si chiede invece l’annullamento della delibera di giunta del 17 gennaio, quella per l’appunto con cui  si approva il “nuovo modello organizzatorio dell’Ente” che prevede cinque settori: amministrazione generale e servizi alla persona, tecnico contabile e Siic, Urbanistica Edilizia, Tutela Ambientale e del Patrimonio, Lavori pubblici e servizio tecnologico, polizia locale, Suap e demanio marittimo.

*Il Tar di Latina*

*Il Tar di Latina*

Una nuova organizzazione arrivata sulla scorta di un parere importante ovvero quello del Ministero dell’Interno.  Da annullare, secondo i sindacati ci sarebbe però molto altro. Nel ricorso, si fa infatti riferimento alla determinazione numero 32 del 5 febbraio, quella con cui vengono riaperti i termini “per la presentazione delle domande utili alla stesura della graduatoria del personale dichiarato in esubero” e poi ancora da annullare la determinazione numero 67 del 21 febbraio, quella cioè inerente la nomina della commissione valutatrice “per l’esame delle istanze per la definizione della graduatoria di mobilità del personale dichiarato in esubero” ed ovviamente, da annullare secondo Cgil e Uil c’è  la successiva approvazione della graduatoria provvisoria. Tra le richieste c’è anche quella di essere ascoltati in camera di consiglio in sede di discussione dell’istanza cautelare. L’udienza circa il ricorso per la presunta condotta antisindacale si terrà a fine mese. E’ chiaro comunque che la via del dialogo da tempo si è fatta impercorribile e che per ora, l’unica strada possibile è quella dei ricorsi, che di ostacoli potrebbe averne molti. I sindacati comunque non mollano e sono pronti a dare battaglia al Tar.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Tagli al personale del Comune di San Felice, parla Calisi: “Prepensionamenti solo per gli esuberi” – 14 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Esuberi al Comune di San Felice, graduatoria ‘da Procura’: esposto contro presunti brogli. Anche Forza Italia all’attacco – 11 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Esuberi al Comune di San Felice, nuovo vertice: chiesto un parere al Ministero – 7 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Esuberi al Comune di San Felice Circeo, prove di disgelo in Prefettura – 28 gennaio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Esuberi al Comune di San Felice, martedì il nuovo incontro in Prefettura – 26 gennaio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Dipendenti in esubero a San Felice Circeo, il Sindaco non si presenta in Prefettura – 24 gennaio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Dipendenti in esubero del Comune di San Felice, convocazione in Prefettura – 21 gennaio -)

***ARTICOLO CORRELATO***(San Felice Circeo, dipendenti in assemblea permanente -16 gennaio -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]