La Regione istituisce la ‘comunità famigliare ad accoglienza mista’. La soddisfazione della Visini

La Regione istituisce la ‘comunità famigliare ad accoglienza mista’. La soddisfazione della Visini
Rita Visini

Rita Visini

Istituita nel Lazio una nuova tipologia di struttura socioassistenziale, la “comunità familiare ad accoglienza mista”. Lo stabilisce una delibera approvata dalla Giunta regionale. Si tratta di una struttura aperta sia a soggetti con disagio familiare o sociale, sia a persone con disabilità fisica o psichica, che può accogliere contemporaneamente sia minori che adulti in difficoltà, compresi quelli già ospitati prima di diventare maggiorenni. Una novità, questa, perché finora la normativa regionale prevedeva soltanto strutture, come le case famiglia e le comunità alloggio, destinate esclusivamente a categorie distinte di persone: minori, adulti con disabilità, anziani, persone con problematiche psicosociali, donne in difficoltà.

Altra caratteristica di questo tipo di struttura, che potrà ospitare fino a otto persone, è quella di essere gestita da una coppia o da una famiglia con figli che vive stabilmente nella casa e quindi condivide con gli ospiti un legame diretto e personalizzato.

“Si tratta di una modalità di accoglienza già testata in Emilia Romagna, in Piemonte e nelle Marche –  spiega l’assessore alle Politiche sociali e allo sport, Rita Visini – la cui sperimentazione ha dato risultati molto positivi. Con questa delibera mettiamo a disposizione delle persone più fragili, soprattutto minori, una nuova possibilità per essere ospitati in un contesto protetto, che soddisfa tutti i requisiti richiesti dalla rete dei servizi sociali territoriali e che mantiene una dimensione realmente familiare in grado di recuperare le situazioni di disagio”.

“Inoltre – continua Visini – siamo venuti incontro anche alle realtà del Terzo settore del Lazio che ci avevano sollecitato a introdurre anche nel sistema pubblico della nostra Regione tipologie di strutture che potessero soddisfare contemporaneamente i bisogni di utenze finora tenute separate”.

 

Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social