Roghi ed ortofrutta a Fondi, il Pd Fiore: “Le mafie sono qui”

Roghi ed ortofrutta a Fondi, il Pd Fiore: “Le mafie sono qui”
*Gli ultimi due camion a fuoco*

*Gli ultimi due camion a fuoco*

Dopo il nuovo ciclo di incendi dolosi diretti ai mezzi, cinque in tutto, di tre ditte ditte ortofrutticole, a Fondi la questione della criminalità organizzata torna all’ordine del giorno con un intervento del consigliere del Partito democratico Bruno Fiore. Che lancia un monito: “Le mafie sono qui”.

Fiore parte da un assunto, rafforzato da episodi di cronaca recente e passata: al di là che si tratti di ‘semplici’ infiltrazioni o di vero e proprio controllo, visto l’ormai assodato appeal del comparto ortofrutticolo, il Mercato di Fondi non è immune dall’influenza dei clan. “Come tutti i mercati generali all’ingrosso vive questa pesante realtà di controllo mafioso”, dice. Evidenziando come in tale contesto “la capacità dello Stato di fare opera di contrasto a queste attività criminali” rappresenti “la nota dolens, considerato che le attività investigative sono affidate ‘sul territorio’ a pochissimi uomini con risorse limitate”.

*Bruno Fiore*

*Bruno Fiore*

Chiede la guardia alta, l’esponente di minoranza: “In questo territorio abbiamo bisogno di una maggiore attenzione per fare opera di prevenzione e di lotta alle mafie che, lo ricordiamo, non sono semplicemente infiltrate ma operano in modo consolidato. E non è sufficiente l’abnegazione prestata da chi si trova quotidianamente a combattere su questo fronte, ci vuole molto di più”.

Tornando allo specifico versante Mof, Fiore ha le idee chiare: “Necessita una precisa assunzione di responsabilità da parte di tutti gli Enti pubblici che partecipano alla sua gestione: Comune, Camera di commercio e Regione. Non è possibile che siano trascorsi alcuni mesi dalle dimissioni dal Consiglio di amministrazione della società di gestione Mof Spa del vicepresidente Francesco Polese, di nomina del Comune di Fondi, e del presidente Michele Pasca Raymondo, nomina di spettanza del presidente della Regione,  e non si provveda alla loro surroga. Lasciando in un limbo gestionale la società Mof Spa, con riflessi diretti sulla trasparenza della sua gestione”.

***ARTICOLO CORRELATO*** (***video***Fondi, a fuoco due camion – 27 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Il Mof di Fondi in mano a casalesi e corleonesi, condannato il fratello di Totò Riina – 24 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO – Fondi, doppio incendio nell’ingrosso d’ortofrutta – 9 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Due mezzi a fuoco nella notte: uno è dei D’Angiò – 25 dicembre 2013 -)

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]