Elezioni a Monte San Biagio, il Pd ‘spinge’ per Rizzi candidato a sindaco

Elezioni a Monte San Biagio, il Pd ‘spinge’ per Rizzi candidato a sindaco
*Biagio Rizzi*

*Biagio Rizzi*

Finalmente, per la corsa a sindaco di Monte San Biagio, pare avere un volto anche il candidato del Partito democratico: ovvero l’ex primo cittadino ed attuale coordinatore locale del partito, Biagio Rizzi. Nulla di ufficiale, per il momento. Ma la sua candidatura, per chi conosce la politica, è ormai cosa fatta.

Sebbene il diretto interessato in tempi non sospetti si fosse dimostrato restio ad un nuovo impegno alla testa del centrosinistra, ad oggi la sua figura sembra essere l’unica in grado di coniugare al meglio le varie correnti del Pd, se non altro per esperienza e capacità politiche.

*Guglielmo Raso*

*Guglielmo Raso*

Di sicuro, su Rizzi dal partito hanno deciso di puntare in molti, dai gangli del partito. A cominciare da Guglielmo Raso, che del Pd è responsabile dell’area Cultura e Turismo. L’avvocato parte da lontano: “Il partito ha portato positivamente a termine il processo di riunificazione del centrosinistra locale, che parteciperà alle prossime amministrative con una coalizione che sarà l’espressione unitaria di tutte le realtà politiche, civiche e associative del territorio. A comporre la lista civica saranno nuovi nomi della politica locale: giovani esponenti della locale sezione Pd, liberi professionisti, operatori della scuola, della sanità, studenti universitari e rappresentative espressioni della società civile”.

A seguire, la sua personale investitura: “Il rinnovato centrosinistra potrà trovare una guida nella persona di Biagio Rizzi. La figura dell’attuale  segretario è, allo stato, quella che più inclusiva, e quindi rappresentativa, delle varie anime che compongono la coalizione, nonché la più adatta a garantire un giusto equilibrio tra il carattere fortemente innovativo dei candidati consiglieri e le irrinunciabili esigenze di esperienza amministrativa”.

*Filiberto Cardinale*

*Filiberto Cardinale*

A far compagnia alla decisa ‘spinta’ di Raso, quella di Filiberto Cardinale, membro del direttivo ed animatore del gruppo ‘Adesso! Monte San Biagio’: “Dopo aver ascoltato i ‘renziani’, credo di poter indicare in Rizzi la persona che meglio di altri possa garantire la realizzazione del nostro progetto. Sappiamo che lo stesso Rizzi più volte ed in diversi modi ha dichiarato la sua volontà di spendersi per un rinnovamento ‘radicale’ della classe politica locale a partire proprio dal candidato sindaco, e quindi la sua indisponibilità ad impegnarsi in prima persona, ma la sua esperienza e le sue qualità in campo amministrativo sono la carta migliore per coniugare la novità delle proposte con la solidità delle competenze”.

*Federico Carnevale*

*Federico Carnevale*

Se è notorio che non si fanno i conti senza l’oste, è pur vero che il tempo per le amministrative stringe e Rizzi è probabilmente il candidato più credibile e politicamente forte da opporre al forzista Carnevale. In quest’ottica, non ci sarebbe da stupirsi che l’ufficializzazione della discesa in campo dell’ex sindaco giunga entro una manciata di giorni.

Il paese del Pd prende forma – In attesa dei crismi dell’ufficialità – o magari di qualche colpo di scena – i democrat monticellani ricominciano a parlare del programma.

“La differenza sostanziale – dice Cardinale – che ha contraddistinto il lavoro svolto dal Pd e dalla sua coalizione rispetto agli altri attori politici, in questa marcia di avvicinamento alle  elezioni amministrative, sta nella scelta di aver anteposto il lavoro ed il confronto sui contenuti agli annunci sensazionalistici sul candidato alla poltrona del sindaco. È stato un lavoro portato avanti per diversi mesi. Divisi in quattro macro-aree, gli attivisti ed i simpatizzanti della coalizione hanno dapprima valutato la situazione attuale certificando la paralisi dell’attività amministrativa degli ultimi anni ed hanno poi predisposto una bozza di programma da integrare con il confronto diretto con i cittadini”.

Monte San BiagioUna di queste macro-aree, è quella che raggruppa turismo, eventi, cultura ed attività produttive. Dal Pd, puntano valorizzare “la vocazione turistica di Monte San Biagio, realizzando un indotto turistico di qualità”, spiega l’avvocato Raso. “Primo obiettivo, rivitalizzare il centro storico. A tal fine, verranno predisposti una serie di efficaci incentivi all’insediamento produttivo e abitativo in favore di giovani imprenditori e giovani coppie. Chi intenderà aprire una nuova attività commerciale nel centro storico o semplicemente abitarvi, potrà beneficiare di sgravi su addizionali di competenza municipale e finanziamenti erogati dall’Unione Europea, che verranno messi a disposizione anche delle attività ad oggi esistenti. Un’attenzione particolare sarà dedicata alla costante promozione ed organizzazioni di eventi culturali e ricreativi. Tornerà l’‘Estate Monticellana’, in una veste del tutto rinnovata e connotata da alto pregio culturale artistico: è stata già programmata una serie di eventi che coinvolgerà l’intero territorio, alla cui gestione collaboreranno commercianti e associazioni culturali, alle quali saranno affidate aree di aggregazione sociale e ricreative, in particolare nelle contrade di Vallemarina e Villa San Vito”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]