“Sicurezza in agricoltura”, il tema affrontato in un convegno a Fondi

“Sicurezza in agricoltura”, il tema affrontato in un convegno a Fondi

 

convegno agricolturaL’associazione “Movimento Giovani con Futuro” in collaborazione con l’assessorato all’agricoltura e all’ambiente del Comune di Sperlonga e la Provincia di Latina ha organizzato il convegno sulla “Sicurezza in agricoltura” che avrà luogo venerdì 4 aprile alle 16 presso la Coop. San Leone, al km 8,300 ella St. provinciale Fondi-Sperlonga, nel comune di Fondi.

Si parlerà della sicurezza sul lavoro, delle donne in agricoltura nella piana di Fondi, dell’importanza delle figure responsabili e dei documenti da tenere in azienda, degli adempimenti inerenti macchine ed attrezzature, delle buone pratiche per il lavoro sicuro in agricoltura e delle regole per un uso sostenibile degli agrofarmaci alla luce delle nuove normative.

In qualità di relatori saranno presenti: Carlo Muscarella, responsabile della sede di Fondi della SPeSAL – AUSL Latina; Maria Cristina Lombardini, esperta in formazione manageriale; Laura Sepe, dell’associazione Aspera, i periti agrari Roberto Nataloni e Leonardo Perronace.

Al convegno parteciperanno anche le istituzioni: il sindaco di Sperlonga Rocco Scalingi, gli assessori all’agricoltura e all’ambiente Lorena Cogodda e Joseph Maric; il Presidente della Provincia di Latina Armando Cusani; Giuseppe Simeone, Segretario Consigliere della Regione Lazio ed il Commissario Regionale del Parco Regionale Riviera di Ulisse Gianni Francesco Mattioli.

«L’agricoltura – commenta Armando Cusani – è chiamata a svolgere più funzioni: venire incontro alle esigenze dei cittadini per quanto riguarda l’alimentazione (disponibilità, prezzo, varietà, qualità e sicurezza); salvaguardare l’ambiente e assicurare agli agricoltori un tenore di vita dignitoso. Al tempo stesso, occorre preservare le comunità rurali e i paesaggi in quanto componente preziosa del patrimonio europeo.

Responsabilità che pesano sugli agricoltori a causa dei costi che devono sostenere rispetto al fisco e alle normative vigenti. Per non parlare dei tempi di adempimento delle procedure burocratiche che incidono notevolmente sul rendimento delle aziende.

Considerato che l’agricoltura costituisce quasi il 40% del bilancio europeo e la maggior parte del suo territorio è coltivato, – conclude Cusani – l’Unione Europea si è dotata di una Politica Agricola Comune, recentemente riformata. Le cooperative agricole nutrono il mondo. Per questo dobbiamo fare di più per agevolare gli imprenditori: snellire la burocrazia, eliminare i controlli preventivi ed alleggerire il peso fiscale».

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]