Scippi a Sabaudia, l’esponente Pd Brugnola: “Serve prevenzione”

*Il rappresentante Pd Franco Brugnola*
*Il rappresentante Pd Franco Brugnola*

Due aggressioni ai danni di anziane verificatisi nel giro di poche ore l’una dall’altra, a Sabaudia: sabato sera un borseggio, con la vittima caduta e finita in ospedale; domenica mattina, il tentato furto di una collana d’oro  indossata da un’altra donna in età avanzata, fortunatamente non andato a segno.

Mentre indagano i carabinieri, sugli episodi, che forse hanno in comune lo stesso autore, interviene l’esponente locale del Partito democratico Franco Brugnola: “Dopo tutte le proposte e le interrogazioni fatte nel corso della passata consiliatura dal gruppo Pd sul problema della sicurezza urbana, seguitano ad avvenire furti e rapine”, ha detto l’ex consigliere. Che poi, dopo aver sottolineato la gravità dell’accaduto, propone la sua ‘ricetta’: “E’ ora che si facciano interventi seri per la prevenzione, in particolare per quanto riguarda la diffusione della droga tra i giovani, che sono indotti a compiere reati per procurarsi la dose”.


Si registra anche l’intervento del consigliere comunale Giada Gervasi della lista civica ‘Cittadini al Lavoro’:

«Rimango sconcertata delle ultime due aggressioni verificatesi in poche ore a Sabaudia. Voglio vivere in una città sicura, dove i cittadini si sentano protetti  da furti, borseggi e aggressioni. Le risorse ci sono?  Ci sono piani di investimento in materia? Sono state fatte le richieste di finanziamento?». Queste le dichiarazioni del consigliere Giada Gervasi, della lista civica Cittadini al Lavoro, all’indomani della presentazione di un’interrogazione a risposta scritta, con la quale chiede chiarimenti all’Amministrazione comunale circa la delicata situazione venutasi a creare nel Comune di Sabaudia.

«Negli ultimi anni – continua Gervasi – la situazione è divenuta insostenibile: singoli o gruppi di persone aggrediscono donne anziane, saccheggiano abitazioni ed attività anche più volte ed in breve termine, avendo rilevato la vulnerabilità di un’area in cui le forze di polizia, per carenza di mezzi e persone, hanno difficoltà ad operare. Una situazione esasperante, tanto che solo un decimo delle attività criminose viene segnalato, con la conseguenza dell’autotutela e della giustizia fai da te».

È necessario dunque l’intervento delle Autorità competenti per salvaguardare, e in alcuni casi ripristinare, l’ordine pubblico. Ma prima di tutto per adottare piani di intervento che possano prevenire questi atti individuali e collettivi di violenza e di arbitrio. Ragion per cui il consigliere Gervasi chiede di sapere come l’Amministrazione intenda procedere in relazione ad un simile scenario e se si prevede di adottare con urgenza una serie di misure, onde evitare un’escalation di conflittualità, eccessi di difesa e l’abbandono di un’area ormai insicura per gli abitanti. Misure quali: posti di blocco, incremento dei mezzi e delle unità di polizia, aumento dei controlli notturni, la realizzazione di un sistema di video sorveglianza con collegamento ad una sala operativa (attingendo al “Fondo per la sicurezza urbana e tutela dell’ordine pubblico”) e l’impiego della Protezione Civile (ben tre unità presenti nel Comune di Sabaudia), nonché la sostituzione delle lampade fulminate nei lampioni esistenti. Richiesta, tra l’altro, già presentata il 2 febbraio scorso in occasione di una precedente interrogazione, nella quale si chiedeva il ripristino dell’illuminazione a tutela della pubblica incolumità.

***ARTICOLO CORRELATO***(Due scippi in poche ore a Sabaudia, ferita un’anziana – 16 febbraio -)