Tassa di soggiorno non versata, il Comune di Terracina fa causa ad alberghi e campeggi

terracina-panoramaFinire in tribunale citati dal proprio Comune. Può succedere se sei un albergo o un campeggio e non versi la tassa di soggiorno nelle casse dell’ente pubblico come, invece, bisogna fare.

E’ quello che sta succedendo a quei titolari di alberghi e campeggi di Terracina che nel 2012 non hanno versato la tassa di soggiorno, un euro al giorno di permanenza per ogni villeggiante. Sta scritto nero su bianco nella delibera di giunta del 30 gennaio scorso che ha dato incarico all’ufficio legale comunale di predisporre un’azione contro “gestori delle strutture ricettive” che nel 2012 non hanno versato la tassa di soggiorno al Comune. Si sarebbero ‘macchiati’ del reato di appropriazione indebita.


A stanare i presunti ‘furbetti’ è stata la guardia di finanza chiamata in causa dallo stesso sindaco Procaccini all’incirca un anno fa affinché facesse i dovuti controlli. Gli accertamenti sono immediatamente partiti scoprendo che su una  quarantina di gestori all’incirca una decina non avrebbero versato la tassa al Comune. Pochi, ma comunque ci sono.

A loro era stata inviata una comunicazione di messa in mora a seguito della quale alcuni avevano ottemperato all’obbligo del versamento ma non tutti, proprio quelli che, a quanto pare, finiranno in tribunale.

Intanto i controlli continuano per l’anno 2013.