Monte San Biagio, ‘Nuova alba’ proiettata verso il futuro

*Teodorico Di Vezza*
*Teodorico Di Vezza*

Dopo l’ufficializzazione della discesa in campo in appoggio al candidato sindaco Teodorico Di Vezza, i componenti della civica di Monte San Biagio ‘Nuova alba’ tornano a spiegare agli elettori i programmi che intendono portare avanti.

Con un punto fermo: niente polemiche ‘a ritroso’. “Il movimento non è impegnato a narrare la cronaca delle vicende amministrative e politiche del passato, peraltro ben note e che non mancano di suscitare rammarico e critiche risentite da parte della gente comune”.


Quindi, nel corso della campagna elettorale, nessun atto d’accusa contro le giunta di centrodestra che nell’ultimo decennio hanno guidato il paese, di cui peraltro lo stesso Di Vezza ha fatto parte per anni, arrivando a ricoprire la carica di vicesindaco e assessore.

“Vogliamo guardare al futuro: la prospettiva al momento non può essere che quella di illustrare la parte fondante del nostro progetto”, spiegano dalla civica d’estrazione popolare. “A prescindere dall’articolazione del programma amministrativo, in via di definizione, riteniamo che sia preminente, o comunque importante, fornire all’elettore chiari punti di riferimento organizzativi. In quest’ottica non deve sfuggirci l’idea di base di una politica intesa come complesso di attività volte a governare la collettività. Così come non dobbiamo perdere di vista l’esigenza di proporre una lista ‘qualificata’ che il ruolo pubblico esige”.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Elezioni a Monte San Biagio, in campo l’ex vicesindaco Di Vezza – 24 gennaio -)