Calcio a 5, la Rapidoo Latina vince ancora: battuto il Fuente Lucera

Rapidoo Latina Calcio a 5-Fuente Lucera Foggia 3-1 (Primo Tempo: 1-0)
Rapidoo Latina Calcio a 5: Chinchio, Cianci, Natalizia, Mocellin, Terenzi, Maina, Bacoli, Battistoni, Vernillo, Avellino, Rosati, Malandruccolo. All: Giampaolo.
Fuente Lucera Foggia: De Melo, Piccinno, Cappuccio, De Cillis, Lo Polito, Ferreyra, Laccetti, De Luca, Leandrinho, Guinho, Rossa, Sanna. All: Grassi.
Arbitri: Bensi (Grosseto), Rizzo (Trapani). Crono: Nero (Latina), Di Resta (Roma 2)
Marcatori: 7′ e 10” pt Mocellin, 3′ e 31” st Avellino, 4′ e 40” Sanna, 19′ e 12” Maina
Note: ammonito al 13′ pt Guinho, 16′ e 32” Sanna

Rapidoo Latina.
Rapidoo Latina.

Davanti alla telecamere di Rai Sport, la Rapidoo Latina Calcio a 5 dimostra di saper soffrire, finendo con il superare 3-1 il Fuente Lucera Foggia, la squadra che forse, più di tutte in questo momento, gode di ottima salute. Non è stata una gara facile, ma alla fine, con il carattere e l’intelligenza tattica della grande squadra, i nerazzurri di Giampaolo sono riusciti a portare in porto il match. La Rapidoo partiva, come al solito, di gran carriera. Dopo due minuti e quarantaqattro secondi, ci provava Battistoni:: sinistro al volo di poco a lato. I foggiani, però, rispondevano di rimessa e al 4′ si rendevano a loro volta pericolosi con De Cillis. Partita vibrante e ricca di emozioni, come quella al 5′ e 46” con Battistoni vicinissimo al vantaggio. Al 6′ e 28” Chinchio si allungava per respingere una conclusione di Sanna, ma sul capovolgimento di fronte era il PalaBianchini ad esplodere per la performance di Mocellin. Rapiddo arrembante e, trenta secondi dopo, era Maina, da posizione centralissima, a fallire il raddoppio. Al 13′ ancora Chinchio protagonista: uscita provvidenziale su De Cillis. Al 16′ e 37”, invece, era bravo De Melo a chiudere lo specchio della porta a Battistoni. A 2′ dalla fine della prima frazione, ancora De Melo grande protagonista sul sinistro dell’onnipresente Battistoni. A 40”dalla fine, con il Fuente carico di sei falli, Maina falliva un tiro libero. Era l’ultima emozione della prima frazione di gioco.


Si ripartiva con la punizione di Guinho, a lato. Puntuale la risposta della Rapidoo, con la conclusione di Mocellin. A 2′ e 13” Maina si liberava bene, ma sulla sua conclusione, De Melo compieva un vero miracolo. Era il preludio al raddoppio nerazzurro che arrivava al 3′ e 31” con Avellino, dopo che lo stesso De Melo era riuscito a superarsi sullo stesso giocatore e su Mocellin. Pronta, però, la risposta dei foggiani, che al 4′ e 40”, su punizione, riaprivano il match con Sanna. Al 7′ e 42” la Rapidoo andava vicinissima al terzo gol, ma sull’angolo di Mocellin, Terenzi, di testa, colpiva in pieno la traversa. E, al 9′, ancora De Melo, davvero straordinario, a bloccare le magie di Mocellin. A 3′ dalla fine era invece Chinchio a deviare una conclusione di sinistro di Rossa. A 2′ e 37” dalla fine, il Fuente si giocava la carta del portiere di movimento, ma i pugliesi venivano punti da Maina libero di battere a rete con la porta sguarnita. Era praticamente la fine di un mach tirato, ma che la Rapidoo ha saputo portare in porto con intelligenza.