Tares a Fondi, Costa e Antonetti: “Nessuna attenzione per le fasce deboli”

taresPer Giampaolo Costa e Gianfranco Antonetti, responsabili delle civiche ‘Alternativa fondana’ e ‘Fondi ci chiama’, l’anno nuovo è iniziato come era terminato quello precedente. Ovvero, all’attacco dell’amministrazione guidata da Salvatore De Meo.

Questa volta, all’attenzione, il pagamento della Tares: “Risulta davvero spiacevole constatare che il Comune di Fondi sia una rara eccezione tra gli enti locali, nell’aver escluso i soggetti in condizioni di grave disagio sociale ed economico e le imprese in difficoltà da forme di agevolazione e di esonero totale del pagamento della Tares”, dicono all’unisono. “Infatti, nessuna indicazione in tale direzione si rinviene nella delibera del Consiglio comunale del 10 luglio 2013 di approvazione del Regolamento, né in quella successiva del 30 ottobre 2013 di modifica del Regolamento stesso in alcune sue parti”.

A seguire, quindi, la richiesta ai vertici dell’amministrazione di un dietrofront atto a tutelare le fasce più deboli, con il via ad agevolazioni ed esenzioni totali.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Fondi, i partiti di maggiornaza replicano a Costa e Antonetti – 27 dicembre -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Fondi, la provocazione di Costa e Antonetti: “Amministrazione fallimentare, De Meo si dimetta – 27 dicembre -)