Aprilia, giovane ottiene i domiciliari ma sotto il controllo del braccialetto elettronico

braccialetto elettronicoIl braccialetto elettronico inizia a diventare una realtà anche in provincia di Latina. Un 30enne di Aprilia, Emanuele Pastacaldi, rinchiuso in carcere e accusato di ricettazione e riciclaggio, ha chiesto tramite il suo difensore, l’avvocato Sinuhe Luccone, gli arresti domiciliari.

Il gip del Tribunale di Velletri, Alessandra Ilari, ha risposto di non essere intenzionata a scarcerare l’apriliano, a meno che quest’ultimo non accettasse di indossare il braccialetto elettronico. Il 30enne ha accolto la proposta ed è così tornato a casa, monitorizzato a distanza dai carabinieri.