Villaggio della Legalità di Libera, ennesimo atto intimidatorio

Villaggio della Legalità di Libera, ennesimo atto intimidatorio

villaggio della legalità (archivio)Nuovo vile atto intimidatorio ai danni del Villaggio della Legalità dell’associazione Libera a Borgo Sabotino. Stando alle prime informazioni trapelate, nei giorni scorsi i soliti ignoti avrebbero rubato l’impianto elettrico, danneggiati il telone, le vetrate e rubate le pompe dell’acqua. Si tratta del quinto episodio del genere avvenuto dal 2011, da quando, cioè, un ex camping abusivo confiscato è stato affidato a Libera. Fino a oggi non sono mai stati individuati i responsabili di questi gesti.

Appena la notizia si è diffusa sono cominciati ad arrivare i primi commenti sul grave episodio.

“Questo nuovo atto, dopo i numerosi episodi degli ultimi anni, deve allarmare tutti – ha detto la consigliera regionale Rosa Giancola – Deve spingere ognuno di noi, e le istituzioni prima di tutto, a un maggiore impegno nella difesa e nella tutela della legalità. Evidentemente, fino ad oggi, chi era impegnato in prima linea nella lotta contro la criminalità è stato lasciato solo. Il sostegno concreto delle istituzioni va manifestato ogni giorno e non solo con la solidarietà espressa in occasione di atti intimidatori così gravi”.

“Per Libera e per l’intero territorio – conclude Rosa Giancola – la situazione è diventata intollerabile. Sostengo la richiesta di Libera di convocare con urgenza un tavolo istituzionale e annuncio sin da ora la mia disponibilità a farmi portavoce delle istanze dell’associazione anche in Regione. Questo è il momento in cui la politica deve agire con fermezza e determinazione”.

“Questi atti sono una sfida a chi oggi sta difendendo tutta la nostra comunità – le fa eco il consigliere Giuseppe Simeone -. Non consentiamo a queste persone di intimidirci, non ci piegheremo mai alla logica della violenza e della paura che viene utilizzata per fortificare l’illegalità. Mettiamo in campo tutti gli strumenti, anche con il supporto dell’Osservatorio regionale per la sicurezza e la legalità, per sradicare questa cultura dell’illegalità, fatta di minacce e di soprusi”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social