Ponza, il Fai e IntesaSanPaolo finanziano il restauro del Faro della Guardia

Ponza, il Fai e IntesaSanPaolo finanziano il restauro del Faro della Guardia

faro della guardiaC’è anche il Faro del monte della Guardia di Ponza tra i 19 ‘Luoghi del Cuore’ scelti dal Fai in base al censimento fatto dagli italiani e che riceveranno interventi di tutela per un totale di 400mila euro.

All’iniziativa, promossa in collaborazione con IntesaSanPaolo, ha partecipato circa un milione di persone, “unite nel nome di un’Italia – dice il Fai – da non dimenticare e da tutelare per le generazioni future”.

I 19 interventi interesseranno Piemonte, Puglia, Campania, Lazio, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Calabria, Lombardia, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta ed Emilia Romagna. E nel Lazio, appunto, il Faro della Guardia di Ponza.

Un’immensa  mobilitazione popolare per intervenire concretamente per il salvataggio di alcuni dei beni segnalati dal Fai che ha introdotto un meccanismo nuovo per la selezione degli interventi: sono state stabilite le ‘Linee Guida per la definizione degli interventi a favore dei Luoghi segnalati al censimento 2012′ lanciate a luglio in collaborazione con il ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo.

Oltre a intervenire sui tre luoghi che hanno avuto il maggior numero di segnalazioni – la Cittadella di Alessandria, la Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate (Foggia) e l’Abbazia della SS. Trinita’ di Monte Sacro a Mattinata (ancora nel foggiano) – per la prima volta è stato chiesto a tutti i proprietari e ai portatori di interesse dei 128 beni che hanno ricevuto più di mille segnalazioni di presentare una specifica domanda, a condizione che vi fossero un preciso programma di azione e certezze sui primi finanziamenti, per beneficiare di un intervento diretto del Fai e IntesaSanpaolo che si inserisse nelle cinque tipologie proposte.

Sono pervenute 70 richieste di intervento da 17 Regioni, con il coinvolgimento di Soprintendenze, Comuni, province, parrocchie, comitati, associazioni. Poi una commissione composta da rappresentanti del Fai, in collaborazione con le direzioni regionali del Mibact, ha esaminato le domande ricevute valutando i parametri stabiliti nelle linee guida e cercando di coinvolgere un alto numero di regioni italiane; alla fine ha scelto altri 16 luoghi – oltre ai primi tre classificati – su cui intervenire.

Ecco l’elenco completo dei ‘Luoghi del Cuore’: la Cittadella di Alessandria; la Chiesa di San Nicola a San Paolo di Civitate (Foggia); l’Abbazia della SS. Trinita’ di Monte Sacro a Mattinata (Foggia); il Museo di Toto’ nel Rione Sanita’ a Napoli; il Faro del Monte della Guardia sull’Isola di Ponza (Latina); il Parco del Castello di Miramare a Trieste; il Tempio della Congregazione Olandese Alemanna a Livorno; la Cattolica di Stilo (Reggio Calabria); la Chiesa di San Salvatore de’ Birecto ad Atrani (Salerno); il Colombarone- Cascina Leonardesca a Vigevano (Pavia); l’Oratorio del Sasso a Cursolo Orasso (Verbano-Cuneo-Ossola); il Monte Somma a Pollena Trocchia (Napoli); l’Edicola dei giornali di Piazza Vigo ad Acireale (Catania); la Basilica della SS. Annunziata a Firenze; il Giardino del Monastero delle Orsoline a Calvi dell’Umbria (Terni); l’Alpe Cortlys – Sikken – Salzen a Gressoney La Trinite'(Aosta); il Giardino Nicola Calipari di Piazza Vittorio Emanuele II a Roma; la Pieve Romanica di Santa Maria ad Nives a Mirandola (Modena); il Parco di Villa Strozzi a Gonzaga (Mantova).

You must be logged in to post a comment Login

h24Social