E' Latina la provincia del Lazio più colpita dalla criminalità organizzata

E' Latina la provincia del Lazio più colpita dalla criminalità organizzata

criminalità genericaIl litorale romano e il basso Lazio nelle mani delle cosche mafiose. E la provincia di Latina è tra quelle più colpite da questi fenomeni criminali.

E’ quanto emerge dal secondo rapporto dell’osservatorio Luiss sul Pil delle organizzazioni criminali presentato oggi, anche alla presenza del procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone, dal titolo ‘Il pil delle mafie, il nuovo ordine criminale del Lazio e la guerra silenziosa del 416bis’.

Per quanto riguarda la situazione specificatamente regionale e della capitale, Pignatone ha spiegato che “c’è una presenza strutturata della mafia tradizionale nella zona meridionale della regione” ma nelle aree più vicine a Roma “le indagini dell’ultimo anno hanno fatto emergere un dato significativo: la presenza di organizzazioni mafiose classiche nella zona di Ostia”.

I numeri fanno spavento: le organizzazioni criminali nel Lazio maneggiano liquidi tra i 614 milioni e 1,1 miliardi di euro. È il dato che emerge dal secondo rapporto dell’Osservatorio Luiss sulla legalità dal titolo «Il pil delle mafie, il nuovo ordine criminale del Lazio e la guerra silenziosa del 416bis». Dallo sfruttamento della prostituzione al traffico di droga, dalla contraffazione all’usura e alle estorsioni: queste sono le strade che portano i milioni alle cosche.

Il dossier analizza la presenza delle organizzazioni criminali sul territorio del Lazio dal quale emerge una “fitta rete criminale che imbriglia l’intera regione, con particolare riguardo ai centri di produzione economica più significativi”, il tutto comandato “da famiglie, anche collegate alle mafie tradizionali, stanziatesi a ridosso degli anni Ottanta nei territori nevralgici dell’economia romana, il cui mercato ha risentito in negativo di tali influssi”.

Proprio la provincia di Latina, secondo il rapporto, sarebbe quella maggiormente afflitta da questi fenomeni criminali, interessata da maxi-sequestri di beni per un totale che sfiora i 300 milioni di euro.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social