Gaeta, lavoratori Cng senza stipendio e cassaintegrazione. Incontro in Comune

Gaeta, lavoratori Cng senza stipendio e cassaintegrazione. Incontro in Comune

*Un momento dell'incontro*

*Un momento dell’incontro*

Senza stipendio e senza cassaintegrazione cercano l’aiuto del sindaco di Gaeta. Lo stipendio ormai manca da molto tempo ma anche la cassaintegrazione ora è scaduta, anzi un mese fa. Sono i venti dipendenti dei cantieri navali del Golfo a Gaeta che, in attesa di conoscere il giudizio del tribunale di Latina, in merito alla richiesta di concordato preventivo avanzata dall’azienda, hanno incontrato il sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano, rappresentati da Massimo Purificato della Feneal-Uil e da Giustino Gatti della Filca-Cisl, per trovare soluzioni nella controversia.

Eppure non può molto il sindaco nell’esercizio delle sue funzioni amministrative, se non cercare un contatto col tribunale e tentare di apprendere quale sarà l’esito del concordato per mettere a conoscenza di quale futuro attende i lavoratori. Una valutazione che questi attendono già da qualche tempo ma che tarda ad arrivare lasciandoli all’oscuro di quale sarà il loro destino. Un’attesa che non lascia presagire nulla di buono e che apre le porte ad un fallimento a questo punto più che probabile come solitamente accade con analoghi tempi di attesa.

*Cantiere Cng Lungomare Caboto*

*Cantiere Cng Lungomare Caboto*

In ogni caso, al di là dell’esito atteso, ciò che maggiormente preme i 20 dipendenti è riuscire ad ottenere quantomeno l’attivazione dell’ammortizzatore sociale, scaduto ad ottobre, almeno fino al 31 dicembre prossimo. Questo intoppo che li lascia senza alcuna entrata, creando evidentemente notevoli disagi, sarebbe causato dalla totale irreperibilità dell’amministratore aziendale Romano Caputi, unico responsabile alla sottoscrizione di una nuova procedura di cassaintegrazione. E su una tempestiva sollecitazione dell’amministratore a farsi carico della sottoscrizione di richiesta della cassaintegrazione, i sindacati hanno richiesto a Mitrano un suo coinvolgimento per ottenere dai vertici aziendali  quantomeno una delega esterna di altri soggetti deputati da Caputi a firmare l’accordo. Senza il quale come detto sono senza entrate.

*Cantiere Cng via Sant'Angelo*

*Cantiere Cng via Sant’Angelo*

Una richiesta sulla quale Mitrano si sarebbe detto impotente in virtù dell’assenza di rapporti e contatti con l’imprenditore navale. Ultima soluzione possibile, se la situazione dovesse così proseguire, sarebbe quella di richiedere una procedura concorsuale da concordare con la curatela fallimentare, ma solo una volta decretato il fallimento che come detto è ancora al giudizio del tribunale. A quel punto si potrebbe sperare in almeno dodici mesi di cassaintegrazione in deroga, in attesa che sul suolo demaniale dove si trovano i cantieri vengano avviate altre attività commerciali in grado di offrire nuovi posti di lavoro ai 20 lavoratori, oramai disoccupati, che avrebbero ogni priorità occupazionale. Anche di questo è stato informato il primo cittadino.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social