Pallamano, Hc Fondi sconfitto in casa del Cus Palermo

Pallamano, Hc Fondi sconfitto in casa del Cus Palermo

CUS Palermo – HC Fondi 29-25 (p.t. 16-11)

CUS Palermo: Krasovec 9, Gottuso 1, Ioppolo, Laplaca 3, Mondello 1, Rosso 4, Errante, Andó, D’Aguanno, Rallo 4, Maltese 2, Di Gregoli, Riccobono 1, Tornambé 4. All: Emanuele Pezzer

HC Fondi: Di Manno S. 6, Di Manno V. 1, D’Ettorre 2, D’Angelis, Panariello 1, Amendolagine, Antonio 6, Molineri 2, Pestillo, Salemme, Di Cicco 5, Riccardi 2. All: Giacinto De Santis

Arbitri: Campochiaro – Castagnino

Giacinto De Santis, tecnico HC Fondi.

Giacinto De Santis, tecnico HC Fondi.

Nonostante il cambio di guida tecnica l’HC Fondi non riesce a ripartire in campionato. Nella prima giornata di ritorno, infatti, la formazione rossoblù è stata sconfitta in quel di Palermo dalla locale compagine del CUS. La nuova battuta d’arresto costa ai fondani un clamoroso salto all’indietro in classifica: oggi la squadra del presidente Cardinale, retrocessa al quinto posto nella classifica del girone C, sarebbe addirittura fuori dalla poule play-off. La partita ha visto i padroni di casa aggressivi e determinati per tutti i 60’, mentre gli ospiti hanno mostrato alcuni cali fisici che si sono rivelati fatali. Davanti a un pubblico molto caloroso, le due squadre hanno giocato un primo tempo equilibrato: l’attenta 5/1 predisposta da De Santis, con la staffetta tra Vincenzo Di Manno in difesa e Panariello in attacco, riusciva a tener testa alle azioni dei siciliani per due terzi della prima frazione, fino al 10-11. In attacco si vedevano buone trame, in cui si mettevano in evidenza un ritrovato Antonio e il giovanissimo Di Cicco. Gli ultimi 8’ del primo tempo vedevano però un vistoso calo dei rossoblù, giunti a Palermo privi dell’influenzato Gianluca Di Manno, che iniziavano a mostrare poca lucidità in fase offensiva commettendo diversi errori. Sull’altro versante i giocatori del CUS sfruttavano al meglio il momento di rilassatezza dei fondani e arrivavano più facilmente al tiro: il risultato era un break di 6-0 in favore dei locali che portava le due squadre negli spogliatoi sul punteggio di 16-11.

I primi minuti della ripresa non cambiavano sostanzialmente il quadro dell’incontro, con i padroni di casa avanti per 5-6 lunghezze e gli ospiti alla disperata ricerca di rientrare in partita; i rossoblù tornavano ad essere attenti in difesa, grazie a una mobile 6/0 che permetteva loro di recuperare diversi palloni giocabili, ma in fase d’attacco trovavano sulla loro strada un Errante in giornata di grazia, capace di chiudere la partita con oltre il 40% di parate. Poco alla volta, però, gli uomini di De Santis recuperavano lo svantaggio fino a giungere sul -2. Un nuovo calo era tuttavia in agguato negli ultimi 10’ di gara, e i numerosi pali colti  dalla formazione rossoblù diventavano complici dell’ultimo parziale a favore dei padroni di casa, che meritatamente conducevano in porto l’incontro sul 29-25 finale.

Hc Fondi, rosa 2013 (Foto di Azzband)

Hc Fondi, rosa 2013 (Foto di Azzband)

La delusione campeggia nelle parole del rientrante tecnico De Santis a fine gara: “Devo dire innanzitutto che il Palermo ha fatto una gran bella partita e ha meritato di vincere, avevano più fame ed erano mentalmente più liberi: questo in campo si è visto, come si è notata una condizione fisica generale migliore della nostra. Questi aspetti non devono però portarci fuori strada, la nostra partita è stata al di sotto delle nostre possibilità. Mi è piaciuto l’approccio alla gara ma poi sono venuti a galla errori che in settimana abbiamo cercato di correggere, senza riuscirci pienamente, e che in partite come queste non bisogna commettere. Diversamente dal Palermo in difesa non abbiamo giocato con la giusta intensità ed aggressività, non aiutando i nostri portieri, mentre in attacco siamo stati bravi in alcune situazioni ma imprecisi nei tiri: merito anche del loro portiere Errante, che è stato determinate soprattutto nel break subito nel primo tempo”. Nonostante la delusione, il tecnico prova a guardare avanti: “Sappiamo quali sono i nostri limiti attuali, e purtroppo la partita di Palermo li ha evidenziati tutti. Nella riunione tecnica analizzeremo gli errori e inizieremo a lavorare per non ripeterli nella partita di sabato prossimo. Oggi la classifica ci penalizza ma non dobbiamo fare drammi, pensiamo una partita per volta”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social