FONDI, BUSTA PAGA PIU' MAGRA DOPO IL TRASFERIMENTO. RESPINTO IL RICORSO DI UNA DIPENDENTE PUBBLICA

tribunaleAveva chiesto e ottenuto il trasferimento dall’archivio di Stato di Latina a Fondi, passando dalle dipendenze del Ministero per i beni culturali a quelle del Comune pontino, ma poi, lamentando uno stipendio inferiore, aveva fatto scusa. Il giudice del lavoro del Tribunale di Latina, Alessandro Gatani, esaminata la vicenda, ha respinto le richieste di risarcimento avanzate dalla dipendente dell’ente pubblico, condannandola anche a pagare le spese legali.

La donna aveva sostenuto che, quando dipendeva dal Mibac, aveva uno stipendio maggiore, godendo anche della cosiddetta indennità di amministrazione, in gergo denominata Ria. All’atto pratico una differenza di 278 mila lire al mese. La dipendente aveva così chiesto al giudice di condannare il Comune a pagarle la differenza per le maggiori somme a cui sosteneva avete diritto e quelle percepite, adeguando anche il suo trattamento previdenziale e assistenziale. Niente da fare. La donna era stata trasferita a Fondi su sua richiesta, aderendo a un piano di mobilità volontaria, e quanto reclamava per il giudice non è fondato.


Avallato così l’operato del Comune di Fondi, difeso dall’avvocato Fabio Tonelli, è respinto il ricorso.