ITRI, TIMORI PER LE SORTI DELL'OLIVICOLTURA A CAUSA DELLA 'XYLELLA FASTIDIOSA'

ITRI, TIMORI PER LE SORTI DELL'OLIVICOLTURA A CAUSA DELLA 'XYLELLA FASTIDIOSA'

potatura olivi2Rabbia e preoccupazione, a Itri, per le vicende legate alla olivicoltura. La prima nasce dal basso prezzo corrisposto dai raccoglitori delle olive cosiddette bianche, che vengono ritirate fino all’Immacolata, ai loro produttori. Appena un euro e trenta centesimi al chilo. Ma pare che i contadini ci abbiano fatto l’abitudine ad accontentarsi di questi pochi spiccioli.

La paura grande, invece, deriva dal rischio “punteruolo rosso” per gli ulivi. Infatti un batterio che attualmente potrebbe desertificare la Puglia, dove ora c’è questa psicosi,  e da essa diffondersi nel resto d’Italia, rischia di poter giungere anche sui monti aurunci e attaccare la sua coltivazione primaria, gli uliveti. In questo caso gli alberi malati vanno sradicati.

Qual è la causa, si chiedono a Itri? Inizialmente si è pensato ad un fungo, il Phaeoacremonium, riscontrato in tutti i campioni studiati dai ricercatori. Poi si è scoperto che la causa è “Xylella fastidiosa”, un batterio finora mai riscontrato in Europa e mai su questa specie vegetale. E’ di tipo patogeno, inserito nell’elenco A1 della Eppo, l’Organizzazione intergovernativa responsabile della cooperazione europea per la salute delle piante. Dunque va subito individuato e messo in quarantena, altrimenti ha effetti devastanti. Come appunto quelli che sta provocando dalla scorsa primavera.

Migliaia di alberi hanno cominciato così a seccare. La sintomatologia, ovunque, la stessa: ingiallimento di estese chiome, imbrunimenti interni del legno, foglie accartocciate come fossero sigarette. Non basta a rendere tranquilli gli agricoltori itrani il fatto che ai vivai del Salento è stato già imposto il divieto di esportazione. La Xylella fastidiosa ha già fatto danni altrove nel Mondo, come in California, dove ha fatto incetta di vitigni.  Comunque il rischio resta altissimo e si potrebbe verificare un nuovo caso come quello del Punteruolo rosso, che ha fatto stragi di palme in giro per l’Italia.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social