SAN FELICE CELEBRA IL DECENNALE DELL'ATTENTATO DI NASSIRIYA

NassiriyaL’Italia ha celebrato ieri, domenica, il decennale del terribile attentato di Nassiriya, il più grave attacco alle truppe italiane dalla fine della Seconda guerra mondiale ai giorni nostri, in cui persero la vita 12 militari dell’Arma, cinque dell’Esercito, due civili italiani e 7 iracheni. Anche il Comune di San Felice Circeo a Borgo Montenero oggi pomeriggio ore 18,00 ha reso omaggio alla memoria per i caduti militari e civili delle missioni internazionali di pace e delle vittime della strage del 12 novembre 2003 in Iraq.

Cerimonia commemorativa che si è svolta presso la Parrocchia San Francesco D’Assisi di Borgo Montenero e via Caduti di Nassiriya – alla presenza del Gonfalone del Comune di San Felice Circeo accompagnato dall’assessore Dott.Eugenio Saputo in rappresentanza del Sindaco Dott. Gianni Petrucci,dal Comandante della Stazione Carabinieri Luogotenente Antonio Mancini  dal Comandante della Brigata Guardia di Finanza Sabaudia Luogotenente Di Pinto Rosario,dal Comandante Guardia Costiera San Felice Circeo 1° M.llo LGT NP Dino Mucciarelli, Comandante Polizia Municipale San Felice Circeo, Associazioni d’Arma e Combattentistiche di San Felice Circeo,Borgo Montenero,Borgo Hermada e Sabaudia, Volontari di Protezione Civile Carabinieri Sabaudia,Magg.Oscar Spadari Fiduciario sottosezione a.n.c. San Felice Circeo, il Presidente Sezione e Nucleo ancsabaudia147 M.llo Cav. Enzo Cestra, rappresentante Comaca Sabaudia, il Parroco della Parrocchia San Francesco D’Assisi Borgo Montenero Don Massimo alla presenza di numerosi cittadini,durante la Santa Messa “Giornata Nazionale del Ringraziamento” nell’omelia ha ricordato i caduti di Nassiriya ,Tassini Andrea,flicorno sopranwo della Banda della Gendarmeria del Vaticano ha suonato il ” Silenzio “,al termine della Santa Messa corteo fino a via Caduti di Nassiriya deposizione della corona da parte del dott. Eugenio Saputo, Magg.Oscar Spadari, Luogotenente Antonio Mancini.


Nassiriya 1Il dott. Saputo nel prendere la parola nel suo intervento ha parlato dell’importanza della Commemorazione dei nostri caduti nel giorno della memoria,del sacrificio dei nostri militari uomini e donne impegnati nelle missioni internazionali, ricordando tutti i nomi e cognomi dei 19 caduti. A nome mio personale del Sindaco e dell’intera Amministrazione di San Felice Circeo esprimo la vicinanza di tutti i Sanfeliciani per questo appuntamento che è, innanzitutto, il ricordo del decennale della strage di Nassiriya non perché quella strage sia stata una strage diversa dalla altre, come se si potesse immaginare una classifica del dolore, ma perché in quel momento, in quel terribile 12 novembre di dieci anni fa, nel riconoscere il dolore per i caduti, gli italiani si sentirono probabilmente più consapevoli di un’appartenenza”. “Quel sacrificio non è stato vano, verrebbe da dire – ha aggiunto l’assessore – anche se il dolore, i dubbi, la disperazione sono forti ancora oggi, naturalmente nelle famiglie a cui va il primo pensiero, e poi per i civili, per l’esercito e in particolar modo per l’Arma dei Carabinieri. E’ un’occasione per dire a ciascuno di noi che essere cittadino significa qualcosa di più ,significa avere valori di democrazia e libertà per i quali ancora oggi si può vivere, si può morire, ma soprattutto si può testimoniare l’appartenenza”, i nostri ragazzi uomini e donne con la loro opera contribuiscono a portare la democrazia in tante parte del Mondo.

Al termine della cerimonia il nostro Presidente M.llo Cav. Enzo Cestra anche a nome del suo fiduciario Magg. Oscar Spadari ha ringraziato tutti i presenti.