TOPI NELLA SCUOLA MATERNA DI FONDI, IL CASO ALLA “MARIA PIA DI SAVOIA”. DISINFESTAZIONE REBUS

TOPI NELLA SCUOLA MATERNA DI FONDI, IL CASO ALLA “MARIA PIA DI SAVOIA”. DISINFESTAZIONE REBUS
Un'immagine della "Maria Pia di Savoia"

Un’immagine della “Maria Pia di Savoia”

Una presenza discreta ma comunque quantomeno preoccupante per ovvi motivi, quella palesatasi intorno alla metà di ottobre all’interno della scuola dell’infanzia di via degli Ausoni. Tutto è iniziato quando il personale docente in servizio nel plesso fondano ha notato la presenza, in alcuni armadietti, di documentazione rosicchiata e numerosi, piccoli escrementi di provenienza inconfondibile. Topi. Abbastanza per far scattare lo stato di allerta, vista la giornaliera presenza, in quelle stesse aule, di numerosi bimbi.

Da qui, lo scorso 23 ottobre, la segnalazione ufficiale al Comune da parte del dirigente Raffaele Palombo. La ditta convenzionata, la “Serena Ecoservizi” di Ciampino, con nota protocollata due giorni dopo, il 25 ottobre, si rende quindi disponibile ad eseguire una derattizzazione, per un costo di poco superiore ai settecento euro. Dati, questi, facilmente desumibili dalla determinazione dirigenziale con cui l’ente comunale da il placet all’intervento. Un’autorizzazione datata giovedì 7 novembre, ad oltre due settimane dall’avvenuta segnalazione dei vertici della scuola materna.

Ma, ad ascoltare qualcuno del personale scolastico, modi e tempi della disinfestazione assumono i contorni di un piccolo rebus: per il Comune ci sarà entro poco, magari già questo fine settimana; secondo la scuola, stando almeno alle rassicurazioni fornite al personale, ci sarebbe già stata.

Dopo aver convissuto per giorni con la presenza dei roditori – ed alla presenza dei piccoli alunni – sul finire di ottobre dalla “Maria Pia di Savoia”, in maniera informale, avevano infatti assicurato che la derattizzazione avrebbe avuto luogo a scuola chiusa, durante il ponte dall’1 al 4 novembre. Poco prima, dunque, della succitata determina a firma del dirigente Martino Di Marco.

Comunque sia, nel frattempo in giro per la scuola dell’infanzia erano a quanto pare già comparse diverse trappole per topi. Le stesse trappole che, dal ritorno in classe e fino all’altro giorno, facevano ancora bella mostra sotto alcuni armadi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social