LAVORI DI RECUPERO DEGLI AMBITI URBANI MINTURNO 3 E 4. VERSO L’ULTIMAZIONE DOPO TRE SENTENZE

LAVORI DI RECUPERO DEGLI AMBITI URBANI MINTURNO 3 E 4. VERSO L’ULTIMAZIONE DOPO TRE SENTENZE
*Il Tar di Latina*

*Il Tar di Latina*

Affidamento dei lavori di recupero degli ambiti urbani Minturno 3 e Minturno 4, una storia lunga tre anni e tre sentenze, due del tribunale amministrativo, una del Consiglio di Stato per fare chiarezza sull’assegnazione dell’incarico e sul contenuto del contratto.

L’ultimo provvedimento del giudice amministrativo di Latina è di ieri e segue al ricorso presentato dalla Lucci Salvatore Impresa di costruzioni srl contro il Comune di Minturno e la Eurocostruzioni nel quale si chiede di dare esecuzione alla sentenza del 18 giugno 2010 confermata anche dal pronunciamento del Consiglio di Stato con il quale è stata annullata l’aggiudicazione della gara per l’affidamento dei lavori alla Eurocostruzioni, assegnando un termine di 20 giorni all’amministrazione comunale per rinnovare la gara. In quella circostanza, però, veniva nominato anche un commissario chiamato ad intervenire in caso di inerzia del Comune.

E anche in commissario è incorso in qualche problema e ha avuto bisogno di chiedere l’intervento del giudice collegiale.

Il motivo del contrasto è nato dalle condizioni da applicare ai lavori residui. Un diverbio presto risolto dalla magistratura del capoluogo pontino che ha deciso con sentenza che poiché, sostanzialmente, la ricorrente è subentrata ad ultimare un’opera realizzata già per il sessanta per cento – in quanto il Comune non avrebbe dato immediatamente seguito alla “prima” decisione del Tar facendo proseguire i lavori al precedente aggiudicatario e consolidando la lesione del diritto del ricorrente – i lavori devono essere “completati sulla base dell’offerta del precedente aggiudicatario e alle medesime condizioni economiche”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social