INVESTI’ E UCCISE LA 14ENNE ALESSIA CALVANI, LA POLIZIA STRADALE INDIVIDUA IL CONDUCENTE DELL’AUTO

INVESTI’ E UCCISE LA 14ENNE ALESSIA CALVANI, LA POLIZIA STRADALE INDIVIDUA IL CONDUCENTE DELL’AUTO

*Alessia Calvani*

*Alessia Calvani*

AGGIORNAMENTO – Dopo una intera notte di interrogatorio, ha reso piena confessione il 43enne Emanuele Fiorucci, di Latina Scalo, che alla guida di una Mercedes Classa A il 2 settembre 2012 a Latina Scalo investì e uccise la giovane Alessia Calvani. La confessione è stata stamane nuovamente resa al sostituto procuratore Gregorio Capasso, titolare dell’indagine. Gli sviluppi hanno pienamente confermato l’ipotesi investigativa a suo tempo formulata circa il veicolo investitore.

*Francesco Cipriano con gli agenti della Polizia Stradale*

*Francesco Cipriano con gli agenti della Polizia Stradale*

Laboriosissime e frutto di attività tecniche e di normale routine le indagini che sono state condotte per individuare l’autore del grave fatto di sangue e a seguito del quale mai si erano interrotte, anzi sollecitate con la richiesta di riapertura del fascicolo prossimo all’archiviazione.

*L'uomo che il 2 settembre 2012 investì la 14enne Alessia Calvani*

*Emanuele Fiorucci, l’uomo che il 2 settembre 2012 investì la 14enne Alessia Calvani*

Un risultato di grande soddisfazione per gli inquirenti della Squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione diretta da Francesco Cipriano, coordinati dal sostituto commissario Igino Pandolfo, soprattutto in considerazione della domanda di giustizia che era stata formulata dalla famiglia della giovane vittima, rappresentata dall’avvocato Federico Bianchi del foro di Roma, e della comunità tutta.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Una fiaccolata per non dimenticare Alessia – 17 settembre -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Sulla morte di Alessia Calvani, il sostituto chiede l’archiviazione – 7 agosto -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Morta la 14enne investita da auto pirata – 3 settembre 2012 -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }