CAGNOLINO UCCISO A ITRI DA UN PIRATA DELLA STRADA

CAGNOLINO UCCISO A ITRI DA UN PIRATA DELLA STRADA
*Pasquale Picano*

*Pasquale Picano*

Stava sul gradino di un bar, tra piazza Incoronazione e piazza Annunziata, a Itri, Piccolino, l’esemplare di volpino tedesco di razza di cinque anni, quando un fuoristrada di colore azzurrino lo ha schiacciato, quasi a mezzogiorno, mettendo a repentaglio l’incolumità dello stesso proprietario, Pasquale Picano che ha dovuto farsi più dietro, spostandosi all’interno del bar, per non subire la stessa sorte. E l’incoscienza alla guida del pirata è stata suggellata dalla precipitosa fuga dopo il mortale investimento.

La vicenda, che ha fatto accorrere tanta gente, anche perché si è svolta nel cuore nevralgico di Itri, ha suscitato una indignazione generale, sia per la simpatia del cagnolino, coccolato ogni giorno da bambini e persone di ogni età, sia per la spudorata vigliaccheria del pirata al volante per la cui individuazione il proprietario ha promesso una ricompensa a quanti fornissero elementi preziosi per la sua identificazione. Colpito sulla zampa posteriore sinistra. L’animale è deceduto poco dopo, a seguito di una drammatica agonia cui hanno assistito tante persone. A provocarne il decesso le fratture multiple interne che il pesante automezzo gli ha provocato.

L’episodio ha pure richiamato l’attenzione sulla guida “prepotente” e spesso senza soluzione di continuità di questi mezzi da parte di molti Itrani, che hanno trasformato il chilometro di asfalto della statale Appia, l’unico segmento viario importante che attraversa il paese, in una pista di scorrimento ininterrotto di veicoli che circolano senza una motivata ragione, al punto da aver fatto classificare Itri come il centro del moto perpetuo delle macchine, alla faccia della tanto maledetta crisi economica. D’altronde non poteva essere diversamente se si pensa che un signore ha pubblicamente detto a cinque amici che lo stavano pregando invano di restare in compagnia con loro: “sono spiacente, ma debbo andare perchè  debbo portare l’auto a fare quattro passi”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social