MALTEMPO SULLA PIANA DI FONDI, TROMBA D'ARIA DA SPERLONGA A SONNINO

MALTEMPO SULLA PIANA DI FONDI, TROMBA D'ARIA DA SPERLONGA A SONNINO

tromba-ariaEmergenza e criticità nei territori di Fondi, Monte San Biagio, Lenola, Sperlonga, Terracina e Sonnino per una tromba d’aria che, nel pomeriggio di oggi venerdi, ha colpito quelle zone. Dalle 14,30 e per circa trenta minuti, vento fortissimo, fulmini, tuoni, grandine hanno flagellato serre, coltivazioni all’aperto, magazzini agricoli e aziendali, oltre che la statale Appia  e la regionale Flacca. Immediato l’intervento degli operatori della Protezione civile regionale, con 11 organizzazioni coinvolte e 45 operatori impegnati, e dei Vigili del Fuoco, chiamati per rimuovere i numerosi alberi sradicati e caduti sulle strade. Il maggior numero di operazioni sono state realizzate sulla via Flacca e su via Appia.

Su quest’ultima zona ben tre squadre dei volontari della Protezione Civile di Fondi, “Falchi pronto intervento” del presidente Mario Marino, hanno lavorato fino alle ore19,00 per tagliare i grossi tronchi caduti su serre, magazzini, case, oltre che robusti rami finiti sulla carreggiata della consolare Appia, tra Fondi e Terracina, al punto da provocare prima un blocco e poi un intasamento nella circolazione. I volontari, coordinati da Dario Savilli, sono stati impegnati intensamente in stretta sinergia con Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Locale di Fondi e Monte San Biagio, rispettivamente agli ordini del col. Mauro Renzi e del cap. Aldo Filippi. Un esaustivo monitoraggio dei danni è stato anche effettuato da Lino Conti nelle vesti sia di presidente del Consorzio di Bonifica Sudpontino, sia di segretario della Coltivatori Diretti.

E, in qualità di responsabile della struttura di categoria, Conti ha annunciato che chiederà immediatamente i danni conseguenti a calamità naturali. L’unica nota positiva, nel drammatico bilancio del pomeriggio, è che non ci sono stati fortunatamente danni a persone. Indenne anche la rete ferroviaria, un cui tratto ha ricevuto protezione dalla galleria Monte San Biagio-Priverno, che ha impedito che le conseguenze della tromba d’aria investissero anche quella infrastruttura.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social