GAETA, AGGRESSIONE ALL'ARENAUTA: SOSTEGNO A DE GENNARO DA GAETAVENTURA

arenautaRiceviamo da Francesca Romana Cicchetti, presidente dell’associazione Gaetaventura.

“Abbiamo appreso da fonti di stampa del brutto episodio occorso nei giorni scorsi al presidente di Unicampania, Francesco De Gennaro. A lui va tutto il nostro sostegno per la violenza morale e fisica che ha segnato quella che doveva essere una tranquilla giornata di mare. De Gennaro, insieme all’associazione Gaetaventura A.S.D., è sempre stato mosso da spirito costruttivo e di tutela della spiaggia e dei suoi fruitori.


Unica colpa che gli si può addossare nel caso specifico è quella di aver avuto il coraggio di censurare senza mezze misure il comportamento squallido di un “turista”, non avvezzo alle regole della convivenza civile. La prognosi riportata indica poi che non si sia trattato di un semplice scontro verbale.

Quantunque grave, l’episodio non deve però essere preso a pretesto per soluzioni d’imperio. Abbiamo ancora negli occhi l’immagine dei vigilantes che lo scorso anno giravano armati di pistola, fra bambini inermi e bagnanti allibiti. Come altrettanto traumatiche sono state per la spiaggia le palificazioni dell’arenile apposte sempre alla vigilia della stagione balneare, che anzicchè proteggere i bagnanti da posssibili crolli (di cui peraltro in questi anni non se ne ha alcuna notizia certa), hanno causato in passato il ferimento degli stessi. Del resto le ripetute operazioni della Capitaneria di porto e delle altre forze dell’ordine, dirette tra l’altro a tenere sotto controllo il fenomeno degli accampamenti abusivi, hanno ampiamente garantito quest’anno un clima di legalità che auspichiamo possa permanere anche nel periodo di Ferragosto.

In forza di quanto detto chiediamo che non vengano vanificati gli sforzi delle diverse associazioni che si battono ormai da diversi anni per la preservazione della spiaggia e del suo habitat naturale e si tenga conto in sede di approvazione definitiva del Pua delle osservazioni già presentate, prevedendo al suo interno la pratica dell’arrampicata e del naturismo, un modello quest’ultimo già sperimentato con successo a Marina di Camerota”.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Gaeta, nudista si masturba in spiaggia. Poi prende a morsi chi vuole cacciarlo – 5 agosto -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO – Gaeta, morso al viso dal nudista guardone: la vittima racconta – 6 agosto -)