FONDI, GARRUZZO – LA ROSA QUESTA MATTINA IN AULA A LATINA PER ABUSIVISMO EDILIZIO

FONDI, GARRUZZO – LA ROSA QUESTA MATTINA IN AULA A LATINA PER ABUSIVISMO EDILIZIO

Nomi eccellenti di Fondi questa mattina alla sbarra, presso il Tribunale di Latina, per un procedimento penale di abusivismo edilizio che coinvolge privati, dirigenti amministrativi, tecnici e impresa esecutrice dei lavori. Si tratta di Rosaria Garruzzo,  proprietaria del terreno con annessi manufatti in costruzione. Con lei, la ditta CRIM dell’amministratore unico Cristian Cosma Larosa, 28enne di Fondi, figlio della stessa Rosaria e di Salvatore La Rosa; il direttore dei lavori, Giuseppe Savona, 60enne del posto, il progettista Mauro Filippi, 46enne di Vallemarina di Monte San Biagio, e Martino Di Marco, 62enne dirigente UTC del comune di Fondi.

All’udienza della fase istruttoria di mercoledi 3, prenderanno parte gli operatori che hanno scoperto l’illecito, dall’allora cap. Cosimo Damiano Di Caro, al suo vice, il ten. Luca Bordin, comandante il Norm della compagnia CC di Gaeta. Nell’udienza del 23 gennaio era stato ascoltato il m.llo Rosario Amato, della stazione CC di Itri, esperto di abusivismo edilizio, che ha ricostruito le fasi e le risultanze del sopralluogo del 21 febbario 2008.

L’accusa tende a rilevare soprattutto le responsabilità dell’UTC, in quanto la proprietaria stava realizzando opere in regola con la concessione che le destinava a insediamento residenziale. Secondo gli elementi raccolti nel copioso dossier degli inquirenti, l’UTC non ha controllato né i titoli (terreni asserviti con rogiti successivi al rilascio della concessione), né la destinazione dell’area su cui andava  a insistere il cantiere e che prevedeva la realizzazione di opere in base al codice V2 del Catasto, che deputava la zona a terreno agricolo.

Lo stesso Salvatore La Rosa, si legge in una nota dell’Arma, aveva affermato in maniera informale che era sua intenzione realizzare un agriturismo.

Comments are closed.

h24Social