DA TERRACINA AL CIRCEO LA COSTA E' PIU' SICURA CON IL 'SALVATAGGIO COLLETTIVO'

DA TERRACINA AL CIRCEO LA COSTA E' PIU' SICURA CON IL 'SALVATAGGIO COLLETTIVO'

comandante leonello salvatoriSi chiama ‘salvataggio collettivo’ si legge spiaggia sicura al 100%.

E’ il nuovo progetto di assistenza ai bagnanti messo in campo, anzi, in riva al mare dalla capitaneria di porto di Terracina, agli ordini del tenente di vascello Leonello Salvatori. In pratica una sinergia tra guardia costiera, amministrazione comunale e operatori balneari che lavoreranno fianco a fianco costantemente per garantire vacanze in tutta sicurezza tra Terracina e il Circeo.

Secondo il progetto di life-guard, sulla costa ci saranno defibrillatori ogni 300 metri, bagnini ogni 150 metri minuti di radio per stare sempre in collegamento tra loro, torrette di avvistamento e salvataggio, la copertura tramite assistenti bagnanti anche delle spiagge libere e dei punti dove, anche se vige il divieto di balneazione, capita ugualmente che qualcuno s’immerga.

Una copertura totale dove la sicurezza sarà integrata e ottimizzata, secondo quanto stabilito dall’ordinanza del comandante del porto e seguendo il progetto proposto dalla cooperativa Land Service, al quale ha aderito la stragrande maggioranza degli operatori balneari tra Terracina e San Felice.

Il nuovo piano di sicurezza sulle coste è partito lo scorso 15 giugno e durerà fino al prossimo 15 settembre.

 

 

Comments are closed.

h24Social