DISAGIO ED ESCLUSIONE SOCIALE, INCONTRO GIOVEDI' 9 A FONDI

DISAGIO ED ESCLUSIONE SOCIALE, INCONTRO GIOVEDI' 9 A FONDI

comune-di-fondiIl sindaco di Fondi Salvatore De Meo ha organizzato un incontro – che avrà luogo giovedì 9 maggio alle ore 16.30 presso l’Aula consiliare “Luigi Einaudi” – sui temi del disagio e dell’esclusione sociale.

L’invito è stato rivolto al Centro Servizi Caritas Interparrocchiale di Fondi – Casa di Accoglienza “Mons. Salvatore Fiore”, ad Assomercati, C.I.A., Coldiretti, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, C.N.A., Legacoop e alle Associazioni sociali e culturali.

“La crisi economica e i tagli alla spesa pubblica – afferma il sindaco De Meo – stanno determinando un impoverimento costante e inarrestabile delle famiglie italiane. Anche Fondi non è immune da questa fase di difficoltà, e ciò si manifesta con evidenza anche nell’analisi del primo anno di attività del “Centro Servizi Caritas Interparrocchiale” diretta dal Sac. Erasmo Matarazzo. In essa emerge il numero considerevole di persone in stato di bisogno assistite, circa 1.500 tra adulti e bambini, con attività che vanno dall’ascolto al pagamento delle bollette delle utenze domestiche, dalla distribuzione di generi alimentari e vestiario al servizio docce. Questa preziosa attività viene svolta da un crescente numero di volontari. Il loro impagabile impegno, che riflette la coscienza morale della comunità cittadina, è messo al servizio di una condizione diffusa che, se fino a qualche anno fa era considerata critica ma ancora ai limiti dell’indigenza, negli ultimi tempi si è trasformata in una vera e propria emergenza sociale. Con sempre maggiore difficoltà i Servizi sociali riescono a fare fronte concretamente ai nuovi e sempre più consistenti fenomeni di esclusione sociale e povertà. Di fronte a questo disagio sempre più incalzante gli Enti locali, le associazioni di categoria, le parti sociali, i centri di accoglienza e tutti gli attori del comprensorio sono investiti di una notevole responsabilità che li impegna a confrontarsi per individuare progetti che diano corpo ad un rafforzamento della rete sociale, che abbia alla base una sempre maggiore coscienza collettiva del valore dell’accoglienza e della solidarietà. Ciò in considerazione della centralità che assume la comunità locale quale soggetto educante con il compito di favorire il crearsi di condizioni per il reinserimento sociale. Credo che il tema della sensibilizzazione della comunità locale, quale attore fondamentale nei processi di reinserimento sociale, rappresenti il nodo cruciale per creare le condizioni di sviluppo di una cultura della solidarietà, elemento imprescindibile per costruire reti e partnership con la pluralità di soggetti, pubblici e privati, chiamati a garantire interventi per l’inclusione. Il mio auspicio – conclude De Meo – è che da questa sinergia tra soggetti molteplici possa svilupparsi una rete che, con rinnovato vigore e sistematicità, porti all’individuazione di azioni di mediazione, orientamento, assistenza e integrazione”.

Nel corso dell’incontro, al quale prenderà parte anche il personale della Ripartizione Servizi sociali del Comune di Fondi, tutti gli intervenuti potranno farsi portatori di contributi utili a valutare le necessità del territorio e le azioni sinergiche da mettere in campo per conseguire benefici sociali diffusi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social