FORMIA, ASILO LE QUERCE: NUOVA DIFFIDA AL COMUNE. IL CONSIGLIO DI STATO DECIDE IL 7 MAGGIO

FORMIA, ASILO LE QUERCE: NUOVA DIFFIDA AL COMUNE. IL CONSIGLIO DI STATO DECIDE IL 7 MAGGIO
*L'asilo ''Le Querce''*

*L’asilo ”Le Querce”*

Si terrà il prossimo sette maggio di fronte al Consiglio di Stato l’udienza avanzata dalla Giardini d’Infanzia contro l’aggiudicazione della gestione dell’asilo comunale Le Querce di Formia al Consorzio Intesa attraverso la consorziata Le.Sa.Sca. Nel frattempo attraverso Angela Ciardi, amministratore di coop Intesa, e l’avvocato Christian Lombardi, la stessa Coop che vinse la gara d’appalto nel febbraio 2012 ha presentato diffida nei confronti del Comune affinché, nel termine di trenta giorni, dia effetiva esecuzione alla determinazione di aggiudicazione definitiva in ossequio alla sentenza del 20 febbraio 2013, Tar Lazio, con la quale è stato rigettato il ricorso avanzato dalla coop Giardini d’Infanzia.

Nelle more, scrivono dalla coop Intesa: “Ove possibile, ci si attende la medesima sollecita premura con la quale l’amministrazione ebbe a conformarsi alla contraria ordinanza del Tar Lazio di sospensione dell’aggiudicazione dell’appalto in favore dello scrivente Consorzio e, in ogni caso, si attende di conoscere le concrete ragioni del ritardo per il quale si procede nella sottoscrizione del contratto. Ciò anche in considerazione dell’antieconomicità del servizio in prorogatio” (attualmente il servizio ha un costo di duemila euro in più al mese).

A sostegno della propria diffida, inoltre, l’avvocato Lombardi sottolinea come “le sentenze del giudice di primo grado sono esecutive se il ricorso in appello non comporta un effetto di sospensione automatica”.

Tutto, a ogni modo, resta al vaglio del Consiglio di Stato che dovrà definitivamente decidere sulla questione e sull’appalto quinquennale da duecentomila euro lordi l’anno. Una vicenda su cui indagano i carabinieri e peraltro partita dalla coop Giardini d’Infanzia che aveva presentato esposto per falso, abuso d’ufficio e turbativa d’asta. Secondo la coop ricorrente, infatti, l’Intesa non avrebbe avuto i requisiti per partecipare al bando di gara come invece assicurato, anche il 4 aprile scorso, dal responsabile del procedimento. Verbale, però, che il dirigente del sesto settore, dapprima assente per malattia, poi in aspettativa non retribuita, non ha potuto redigere. Da cui sostituito da un dirigente facente funzioni, unitamente all’assessore ai servizi sociali, che aveva proposto l’affidamento a partire dal primo maggio.

Per ora, però, tutto è bloccato. All’incontro convocato il 15 aprile in Comune per il cambio di gestione, la Giardini d’Infanzia non ha partecipato. Ora si attende il Consiglio di Stato.

Consorzio diffida

LA VICENDA

***ARTICOLO CORRELATO*** (Regione Lazio, Forte: “In arrivo 18 nuovi asili” – 16 gennaio 2011 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Formia, asilo ”Le Querce”: il Tar respinge il ricorso della coop ”Giardini d’Infanzia – 22 febbraio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO – Formia, asilo “Le Querce”: dopo la vittoria al Tar, il Consorzio Intesa prepara la diffida per il Comune – 23 febbraio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Formia, asilo Le Querce: la Giardini d’Infanzia ricorre al Consiglio di Stato – 27 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Formia, asilo Le Querce: la precisazione della coop Intesa – 28 marzo -)

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social