LEGA PRO, II DIV.: L'APRILIA VOLA NELLA TANA DEL MARTINA FRANCA

*mister Paolo Favaretto*
*mister Paolo Favaretto*

Dopo Pontedera un’altra gara lontano il “Quinto Ricci” attende l’Aprilia. Questa volta sarà il sud ad ospitare i biancorazzuri partiti all volta di Martina Franca già da venerdì. Una trasferta lunga e difficile che la dirigenza ha organizzato nei minimi particolari cercando di non tralasciare nessun particolare, considerata l’importanza di questa ennesima sfida. Mister Favaretto ci tiene a  mantenere la sua personale imbattibilità ma, soprattutto, desidererebbe  quanto prima raggiungere la quota punti necessaria per l’accesso nei play off. Il tecnino di Mestre mai come in  questa gara sarà costretto ad attingere alle cosiddette seconde linee vista la situazione difficile dell’infermeria. In settimana, purtroppo, alla lista degli infotunati ( Ferrari , Marfisi e Formato) si è aggiunto anche Hanine, il giocatore di origine marocchina ha subìto un brutto colpo alla spalla che lo costringerà a stare fuori almeno per un mese. Una brutta tegola considerato il contributo positivo portato dal centrocampista ex Ascoli da gennaio. Oltre a questo ci sarà anche il forfait di Corsi  per squalifica.  Mister Favaretto presenta così questa sfida contro i pugliesi: “ Non sono molto preoccupato per la situazione infortuni e squalifiche perché direi che fino ad oggi abbiamo dismostrato che chi ha sostituito gli assenti ha contribuito a portare quei punti che oggi ci permettono di essere nei play off. Credo che a Martina avremo una partita difficile non tanto per le nostre situazioni ma quanto per l’avversario che incontreremo che in otto gare ne ha pesa una solamente e tutto questo dopo il cambio dell’allenatore.  In queste otto gare loro hanno dimostrato una solidità difensiva molto buona, anche noi nelle ultime sei gare siamo sempre andati a rete dimostrando anche di saper recuperare in condizioni sfavorite e questo è un segnale di crescita. Scendendo un po’ più nel tecnico il Martina gioca alternando  situazioni in cui gioca dal 4-4-2, al 4-3-3-, sta comunque trovando degli equilibri sia in un sistema che nell’altro, però al di là dei discorsi tattici dei nostri avversari credo sia importante la prestazione che andremo a fare noi, se riusciremo a fare un prestazione pari alle ultime credo che qualcosa porteremo  fuori. ”  

Fonte: UFFICIO STAMPA APRILIA CALCIO