FORMIA, MANIFESTI FUNEBRI ABUSIVISI OVUNQUE: IGNORATE LE DISPOSIZIONI DELL'ASSESSORE

DSC00051Manifesti funebri ovunque. E’ Formia di questi giorni dove le affissioni abusive fioccano a casaccio: pali e cassette della luce soprattutto ma anche muri. E senza che nessuno alzi la voce o un Vigile Urbano ne chieda conto e magari sanzioni l’abuso. Come accaduto, a esempio, una settimana fa a Itri dove per un manifesto fuori dagli spazi predisposti l’agenzia funebre è stata multata per 470 euro. A Formia invece non va così.

Il 29 luglio del 2011 era stato l’assessore alle finanze Raffaele Manna a tuonare contro le affissioni abusive: “Nonostante gli accordi, continuano ad essere affissi abusivamente manifesti mortuari” e “Tale comportamento nuoce al decoro della città”. Rincarando, “Nei prossimi giorni codesto assessorato attiverà apposito servizio per il controllo delle predette disposizioni, con sanzioni a carico delle agenzie inadempienti”.

DSC00052E alla lettera, come appare evidente, non sono seguiti i fatti. Anzi, forse la situazione è anche peggiorata. E nonostante il “regolamento comunale per la disciplina della pubblicità e delle affissioni e per l’applicazione dell’imposta sulla pubblicità e il diritto sulle pubbliche affissioni” non lasci spazio a dubbi.

Mediamente ogni agenzia funebre, infatti, stampa circa venticinque manifesti che, successivamente, vengono consegnati all’ufficio comunale, timbrati e affissi. Nei casi d’urgenza, poi, ovvero l’affissione in giornata sulle bacheche comunali, come capita per i funerali, il costo a carico è attualmente di 49 euro. Tutte le altre affissioni che invece compaiono in giro per la città, è sufficiente osservare l’assenza di timbro comunale, sono abusive.

DSC00050E, parafrasando l’assessore Manna, “nocciono al decoro della città”. E anche sugli orari di affissione qualcosa andrebbe detto dalla sede comunale se è vero che dopo le ore 17 si dovrebbe attendere il giorno successivo, stante che gli “attacchini” a quell’ora sono fuori servizio. Senza dimenticare che un orario ufficiale per la consegna dei manifesti da parte delle agenzie funebri al Comune, da questa sede non a oggi mai stato comunicato. Creando notevoli incomprensioni, disagi e abusivismo. Lo dimostra un decesso avvenuto qualche sera fa intorno alle 16.30: alle 18 ogni spazio abusivo (!) era già occupato.

A quei cittadini, poi, che negli anni scorsi hanno protestato regolamento alla mano, muto silenzio dal Comune e alzate di spalle. D’altronde se nemmeno l’assessore è riuscito a far rispettare quello che lui stesso aveva imposto attraverso “apposito servizio e sanzioni a carico”, a chi rivolgersi? Meglio lasciarli stare i morti. Non si sa mai.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social