VOLLEY, PLAYOFF: ANDREOLI DI SCENA A SAN GIUSTINO PER CONQUISTARE I QUARTI DI FINALE

VOLLEY, PLAYOFF: ANDREOLI DI SCENA A SAN GIUSTINO PER CONQUISTARE I QUARTI DI FINALE
*Silvano Prandi*

*Silvano Prandi*

Archiviata la gara di andata degli ottavi dei playoff con l’Andreoli Latina vittoriosa in tre set sull’Altotevere San Giustino, domenica alle 20.30 si cambia campo in diretta su RaiSport2. Nel paesino umbro si disputa la gara di ritorno, se i pontini vinceranno accederanno direttamente ai quarti dove ad attenderli ci sarà la Lube Macerata, se invece vincerà San Giustino, tutto si deciderà nella “bella” di domenica 24 al PalaBianchini.

Per il Latina è il quarto playoff della sua quarantennale storia, ci riuscì nel 2002-03 e nel 2003-04 chiudendo ai quarti, l’anno scorso centrando una storica semifinale che gli aprì le porte dell’Europa. La società umbra colse nel 2004-05 una storica finale quando era ancora a Perugia, per lei è l’ottavo playoff, sempre centrato con sede a San Giustino.

San Giustino si presenta all’evento avendo chiuso la stagione regolare al 10° posto con 21 punti grazie a 6 vittorie e 16 sconfitte. Ha bilanciato l’andamento dell’andata (11 punti) con quello del ritorno (10 punti), tre vittorie per girone, quelle di ritorno le ha fatte nel derby con Perugia, a Verona e a Ravenna.

Latina invece ha chiuso al settimo posto (terza migliore prestazione di sempre dopo i sesti posti del 2002-03 e 2003-04) con 31 punti; ha pagato nel girone di ritorno gli impegni in Coppa Cev, 17 punti all’andata contro 14 e una partita vinta in meno.

I tre scontri diretti sono terminati con vittorie dell’Andreoli vincente, 2-3 a San Giustino, doppio 3-0 a Latina nel ritorno e mercoledì nella gara di andata playoff. I precedenti in totale sono 21 (calcolando anche la vecchia gestione) con 8 vittorie pontine e 13 umbre, in Umbria 6 vittorie dei locali e 4 degli ospiti.

Sarà la 1500° panchina di Silvano Prandi, la 158° dei playoff che si sommano alle 868 in regolar season, 119 in Coppa Italia e Supercoppa, 188 nelle coppa europee e 167 nella nazionali, ne ha vinte 998.

Molti gli ex in campo, il belga Bram van den Dries nel 2009-10, Francesco Mattioli nel biennio 2005-07, Paolo Torre in tre riprese: 1998-99, 2001-05 e 2008. Dall’altra parte del campo Jeroen Rauwerdink nel 2011-12 e Daniele Sottile nel 2006-07.

Nella gara di andata il tecnico Marco Fenoglio ha iniziato con Torre al palleggio, Maric opposto, Bohme e De Togni centrali, Cebulj e Fiore schiacciatori, Cesarini libero, ma nel corso della gara ha inserito McKibbin e Mattioli. Silvano Prandi invece ha schierato Sottile in regia e Jarosz opposto, Gitto e Verhees al centro, Rauwerdink e Noda di banda, Rossini libero.

Telecronaca in diretta su Raisport2 con telecronaca di Marco Fantasia e commento tecnico di Claudio Galli, radiocronaca integrale su Radio Antenne Erreci (FM 97.300 MHz, anche sul web www.radioantenne.it) a cura di Gabriele Viscomi, mentre Lazio Tv trasmetterà la gara lunedì alle 23 con varie repliche durante la settimana con la telecronaca di Roberto Italiano.

Sergio Noda: ”Ci aspettiamo una gara abbastanza complicata. Loro in casa hanno dimostrato tutto l’anno di giocare molto bene e di essere una squadra da battere. Dobbiamo esprimerci al meglio per chiudere la serie subito nella gara di ritorno. Mi sento molto bene e molto fiducioso sia per me stesso che per il gruppo, siamo in continua crescita e poi il campo ci dirà se ho ragione”.

Salvatore Rossini: “Sappiamo che il reale valore di San Giustino non è quello dimostrato nella gara di andata, ci aspettiamo una partita totalmente differente. Noi dobbiamo giocare come abbiamo dimostrato mercoledì e fare la nostra gara, sapendo che fuori casa è difficile per chiunque. Stiamo bene fisicamente, ci stiamo allenando al meglio, con maggiore calma, infatti sul campo si vede che giochiamo in maniera diversa”.

Marco Fenoglio: “Non sono soddisfatto di come abbiamo giocato in gara 1, inutile negarlo. L’approccio e’ stato completamente sbagliato, non siamo riusciti a contrastarli in nessuno dei tre set. Perdere a Latina ci può stare, ma non in questo modo. Ci siamo sacrificati tanto per arrivare a giocare i Play Off, non mi piace che i nostri sforzi vengano vanificati con queste prestazioni. Voglio più grinta e determinazione, dobbiamo salire di intensità, ci sono ancora possibilità per il passaggio del turno ma serve la gara perfetta, dovremo andare oltre le nostre attuali possibilità, e sperare che Latina non giochi su altissimi livelli, solo così possiamo avere qualche chance di giocarci il tutto per tutto in gara 3”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social