FONDI, ESEGUITE QUATTRO MISURE PERSONALI PREVENTIVE NEI CONFRONTI DI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA D’ALTERIO

FONDI, ESEGUITE QUATTRO MISURE PERSONALI PREVENTIVE NEI CONFRONTI DI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA D’ALTERIO

Questa mattina  personale del Commissariato di P.S. di Fondi ha dato ausilio agli uomini della DIA di Roma nell’esecuzione di quattro misure personali preventive a carico della nota famiglia fondana dei D’Alterio, gestori di fatto della società Lazialfrigo, posta al centro di un’indagine,  della Procura di Napoli , sul Mof di Fondi .

La richiesta delle misure  di prevenzione era stata fatta direttamente dalla DIA  capitolina al Tribunale di Latina nel  settembre 2010  ed è di questi giorni  la determinazione del Collegio Penale che ha decretato l’applicazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Fondi  per la durata di anni tre, nei confronti di D’ALTERIO Giuseppe, classe ‘ 56 – D’ALTERIO Luigi, classe ‘ 79 D’ALTERIO Armando  dell’83 , mentre a   D’ALTERIO Melissa, dell’81 è stata applicata la sorveglianza speciale di p. s. per un periodo di anni due , senza l’obbligo di soggiorno.

Il principale elemento posto a sostegno della richiesta di applicazione della misura di prevenzione personale è, per tutti e quattro i proposti, l’asserita loro  partecipazione alla pericolosa associazione per delinquere di stampo mafioso del “Clan dei Casalesi”.

In particolare, secondo l’accusa, i D’ALTERIO ed i loro affiliati, avrebbero controllato per conto dell’associazione criminale di appartenenza il trasporto su gomma della merce in arrivo ed in partenza dal M.O.F. di Fondi ed avrebbero poi svolto illecita concorrenza all’interno del mercato, minacciando ed intimorendo i commercianti del M.O.F. che così erano costretti a servirsi delle Ditte di trasporto collegate ai clan, creando così un monopolio  dei trasporti .

Tale ipotesi accusatoria era fondata sui gravi indizi di colpevolezza indicati dal GIP di Napoli nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti dei proposti in data 17/04/2010 nell’ambito dell’indagine convenzionalmente denominata “SUD – PONTINO”.

In mattinata il personale del Commissariato di Fondi ha  notificato al consesso familiare su indicato la misura sottoponendoli alle prescrizioni imposte dal decreto preventivo.

Congiuntamente alla sorveglianza  la DIA, nei giorni scorsi, ha eseguito la confisca di un consistente patrimonio immobiliare  della famiglia d’Alterio composta da vari immobili, conti correnti bancari ma soprattutto tutti gli  autocarri  i rimorchi e semirimorchi facenti capo alle varie società con cui realizzavano gli illeciti profitti.

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO e articolo operazione Sud Pontino – 10 maggio 2010 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (articolo, gli indagati dell’operazione sud pontino dal gup – 11 aprile 2011 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (articolo, i casalesi favorivano i prodotti agricoli di “cosa nostra” – 12 aprile 2011-)

***ARTICOLO CORRELATO*** (operazione sud pontino, salta la prima udienza – 17 aprile 2011-)

***ARTICOLO CORRELATO*** (operazione sud pontino, D’Alterio subito a giudizio – 23 aprile 2011 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (processo sud pontino per i D’Alterio di Fondi, il custode giudiziario: “Ora le aziende vanno bene” – 14 giugno 2011 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Fondi: Melissa D’Alterio rimessa in libertà –  05 novembre 2011 -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO – La D.I.A. di Roma confisca beni ai D’Alterio per circa due milioni di euro – 21 gennaio -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social