DNB: SCAURI TORNA AL SUCCESSO, LILLIU NE METTE 32 E FA VOLARE IL GAETA

QUI SCAURI


AUTOSOFT SCAURI-BCC AGROPOLI 72-64

Parziali: 27-18, 40-42, 59-52

Arbitri: Giummarra Emanuele, Scarfò Giuseppe

Scauri: Lenardon 12, Pozzi 5, Iannone 13, Serino 22, Genovese 12, Torboli 8, Baccilieri ne, Staffieri, Giammò, Pullazi ne. All. Galetti

Agropoli: Cacace 7, Stijepovic 20, Spinelli 4, Di Mauro 8, Murolo, Gallo ne, Tagliabue 7, Palma 3, Cuozzo ne, Ferrara 15. All. Paternoster

Note – T2: 21/40 (S), 14/32 (A); T3: 5/11 (S), 7/25 (A); TL: 15/18 (S), 15/23 (A); Rimb. 28/6 (S), 18/9 (A); Val. 95 (S), 45 (A); Progr. 5′ 15-10, 15′ 32-32, 25′ 52-46, 35′ 61-56; 5 falli: Iannone (S) e Cacace (A); Fallo tecnico Iannone al 34′, Cacace al 37′ e Serino al 38′.

Battendo l’Agropoli 72-64 l’Autosoft Scauri chiude a quota 20 in classifica il girone di andata. E aggancia al terzo posto il Pescara e il Francavilla Fontana. Un passo avanti importante per il quintetto laziale che ha chiuso la gara contro i campani con quattro giocatori in doppia cifra: Serino 22 (10/13 da due, 15 rimbalzi, 2 stoppate, 34 di valutazione), Iannone 13 (7 rimbalzi, 7 assist), Lenardon 12 (4/9 al tiro) e Genovese 12 (3/6 da due, 6/8 ai liberi). Dopo i primi minuti di studio, il team di coach Galetti ingrana la marcia giusta e affonda il +9 di fine primo quarto (27-18). Poi Torboli segna la tripla del +10 (30-20 all’11’), ma gli ospiti sfoderano un parziale di 2-12 che riapre i giochi (32-32 al 15′). Stijepovic (20 punti, 6/9 da due, 11 rimbalzi, 29 di valutazione) e compagni scendono negli spogliatoi per il riposo lungo sul +2 (40-42). Pronta reazione dei padroni di casa che, con il solito Torboli dalla distanza, infilano il +9 (59-50 al 28′). Nella parte finale la gara diventa nervosa (61-56 al 35′). Nonostante ciò, Scauri riesce a gestire il vantaggio chiudendo tranquillamente i conti.

*Antonello Lilliu*

QUI GAETA

La Iris Serapo Gaeta batte l’Assi Basket Ostuni dopo un finale al cardiopalma e si assesta solitaria all’ottavo posto in classifica alla conclusione del girone di andata. Questo è il riassunto della gara disputata questa sera al Palamarina, dove dopo due quarti equilibratissimi in cui si è fatta leggermente preferire la squadra ospite, la ripresa ha offerto al pubblico scenari diversi ed un finale vietato per i malati di cuore. Una vittoria che porta a tre la striscia positiva di successi consecutivi ed addirittura a 5 quelli casalinghi. L’Ostuni inizia bene il primo quarto e grazie a Mei e Morena si porta sul 10-14 dopo 5’ di gioco ; l’ingresso di Ferraiuolo migliora le cose sotto canestro e cosi la squadra gaetana riesce accorciare e chiudere il primo quarto sotto di due punti ( 16-18). Nel secondo quarto l’ingresso di Pietrosanto da il primo scossone alla Iris Serapo Gaeta che piazza un parziale di 9-2  che vuol dire 25-20 al 15’. A questo punto è ancora Mei a prendere per mano i suoi compagni di squadra, ma Lilliu li risponde per le rime; al resto ci pensa Morena che domina su entrambi le parti del campo e trascina di nuovo l’Ostuni a +5, prima che Ferraiuolo mettesse a segno il 31-34 che porta le squadre al riposo lungo. La gara, anche alla ripresa delle ostilità, resta sul filo dell’equilibrio e la squadra ospite riesce a mantenere il suo tesoretto di 4 punti di vantaggio fino al 25’ ( 41-45) trascinata da un rinato Birindelli; da questo punto in poi si scatena la Iris Serapo Gaeta che piazza un parziale di 19-2 che si conclude sulla sirena con una tripla inimagginabile messa a segno da Lilliu. Si parte così per l’ultimo quarto con la squadra gaetana in vantaggio con il punteggio di 60-47; la Iris Serapo Gaeta amministra il vantaggio: la difesa lascia le briciole all’Ostuni, Lilliu è infallibile e Mirone mette a segno canestro pesantissimi, ma a due minuti dal termine quando la  gara sembrava ormai chiusa, con i locali in vantaggio con il punteggio di 70-58, succede che i ragazzi biancoverdi si siedono, buttano via qualche pallone di troppo e l’Ostuni torna in partita ed addirittura a 50’’ dal termine passa in vantaggio con i tiri liberi messi a segno da Mei. L’inerzia sembra inevitabilmente fatto girare la gare dalla parte di Ostuni, ma nulla può contro Lilliu che si prende la responsabilità dell’ultimo tiro della gara e non fallisce e riporta in vantaggio la squadra biancoverde ( 73-72). Adesso la palla passa all’ Ostuni ma Mabilia sbaglia la tripla decisiva e Pietrosanto strappa il rimbalzo che gela la gara e regala la vittoria numero otto della stagione alla Iris Serapo Gaeta. Una vittoria importantissima visto che vale l’ottavo posto in solitario, un buon viatico per la gara di domenica prossima contro la LightHouse Trapani sempre al Palamarina che ci auguriamo si gremito all’inverosimile per sostenere questi meravigliosi ragazzi che stanno facendo cose eccezionali.

Coach Nardone a fine gara non ha che parole d’elogio per i suoi ragazzi e non solo: “questi ragazzi sono incredibili, non ho più aggettivi per descriverli, mi stanno facendo vivere un momento magnifico. Vedere i dirigenti contentissimi ed il nostro pubblico fiero ed entusiasta di questa squadra ci da stimolo maggiore per provare a proseguire in questo magico momento. Oggi qualche giocatore chiave è incappato in una serata non positivissima, ma il gruppo ha fatto la differenza e siamo riusciti  ad attutire l’urto della strapotenza fisica dell’ Ostuni, dove Morena e Birindelli ci hanno messo in difficoltà. A questo proposito voglio fare i complimenti a Mimmo ( Morena n.d.r.) che è ancora un piacere vederlo giocare in quel modo alla sua veneranda età. Voglio concludere dicendo che sono fortunato di allenare a Gaeta e penso che questo tesoro che ci siamo, tutti insieme, guadagnati ci accompagnerà per lunghi anni perché capita di rado di far parte di cicli come questo”.

Iris Serapo Gaeta – Assi Bk Ostuni 73-72 ( 16-18; 31-34; 60-47)

Iris Serapo Gaeta: De Fabritiis 7, Addessi n.e., Pietrosanto 9, Di Mille n.e., Mirone 9, Macaro, Lilliu 32, Siniscalco 2, Marrocco 9, Ferraiuolo 5. Coach: Nardone.

Assi Bk Ostuni: Mabilia 2, Morena 19, Margio 5, Nata n.e., Mei 18, Bartolucci 2, Fin 3, Bonaccini 8, Proto n.e., Birindelli 15. Coach: Coco.