DNA: LA BENACQUISTA LATINA CEDE AGLI ASSALTI DELLA VIOLA REGGIO CALABRIA

DNA: LA BENACQUISTA LATINA CEDE AGLI ASSALTI DELLA VIOLA REGGIO CALABRIA

VIOLA REGGIO CALABRIA-BENACQUISTA ASSICURAZIONI LATINA 75-67

Parziali: 23-13, 32-20, 62-49

Arbitri: Riosa di Trieste e Pierantozzi di Ascoli Piceno

REGGIO CALABRIA: Ricci 7, Fontecchio 10, Caprari 12, Rappoccio ne, Fabi 15, Sabbatino 6, Piazza 9, Quaglia 2, Germani 6, Ammannato 8. All. Ponticiello

LATINA: Santolamazza, Pastore 9, Plateo 3, Tavernelli 12, Milani 11, Potì 3, Longobardi ne, Micevic 21, Cecchetti 4, Gagliardo 4. All. Ferrari

Nulla da fare per la Benacquista Assicurazioni Latina che nonostante un finale di gara combattivo cede l’onore delle armi sul parquet della Viola Reggio Calabria con il risultato di 75-67.

Starting five composti per Reggio Calabria da Piazza, Sabbatino, Fabi, Fontecchi e Ammannato; per Latina da Santolamazza, Gagliardo, Plateo, Milani e Micevic.

La Viola inizia a stravolgere il match già ad inizio gara con due pesanti break orchestrati da Piazza e finalizzati da Ammannato, che valgono il pesante 12-1 dopo i primi 3’.

Milani tiene a galla Latina con un 2/2 da 3 e prova ad accorciare il distacco per i suoi, che però dopo 2’50” nel primo quarto vedono uscire Santolamazza per infortunio ed alla prima sirena sono sotto di 10 lunghezze: 23-13.

Latina si riversa sotto canestro nel secondo quarto cercando di sfruttare qualche falla apertasi nell’area pitturata reggina; ma i calabresi trovano la continuità a canestro con le ottime percentuali di Fabi e Piazza. A fare la differenza nella seconda parte del periodo è anche uno scatenato Caprari che con 9 punti ed il 100% da 3 fa volare i padroni di casa sul +12 alla pausa lunga: 42-30.

La zona nerazzurra e la buona mira da oltre i 6 m 75 cm di Micevic  creano qualche grattacapo agli amaranto al rientro in campo; ma a respingere le loro velleità di rimonta ci pensano Ricci, che sale in cattedra realizzando anche da tre; e l’uscita per 5 falli di Tavernelli. Il crescendo di Fontecchio sotto le plance, sembra far prendere definitivamente il largo ai calabresi che all’ultima pausa conducono per 62-49.

Nei primi 5’ del quarto finale c’è soltanto una tripla di Micevic, con la squadra di Ponticiello che, paga dell’ormai cospicuo vantaggio, si erge in una energica fase difensiva nella quale a fare la differenza è il solito Piazza. I pontini però non mollano e provano fino all’ultimo a scuotersi con Milani, Micevic ed una bomba del giovanissimo Pastore che serve a portarli sul -7 ad 1’30” dalla fine. Ma la Viola non si fa intimidire e chiude sul +8 finale.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social