INIZIANO GLI ABBATTIMENTI DEGLI SCHELETRI ABUSIVI SUL PROMONTORIO DEL CIRCEO

INIZIANO GLI ABBATTIMENTI DEGLI SCHELETRI ABUSIVI SUL PROMONTORIO DEL CIRCEO

*Quarto Caldo*

Con l’avvio dell’abbattimento degli “scheletri” abusivi sul Promontorio del Circeo di conclude una vicenda emblematica durata quasi quarantenni.

“Finalmente il Circeo si libera di quegli scheletri di cemento che ne hanno deturpato per decenni il promontorio” ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Corrado Clini. “Ringrazio il sindaco di San Felice del Circeo, Gianni Petrucci, e il commissario del Parco Nazionale, Gaetano Benedetto, per questa iniziativa che non è solamente simbolica” prosegue il Ministro ed aggiunge: “proprio in questi giorni ho lavorato per contrastare il fenomeno dell’abusivismo e per rendere trasparenti e responsabili gli atti dell’amministrazione pubblica, dove l’opacità, l’inefficienza e la discrezionalità sono fonte di malaffare”. Infine il Ministro sottolinea che “La demolizione degli edifici in una zona preziosa e assediata da rischi di corruzione e malavita è stata consentita tra l’altro dal fondo del Ministero dell’Ambiente contro l’abusivismo. Sono risorse che vorrei fossero usate più spesso. a beneficio di tutti, dell’ambiente e dei cittadini”.

La vicenda inizia con una licenza edilizia del 1973 sulla base della quale si iniziò un’edificazione che andava ben oltre quanto assentito. Seguiva un complesso iter giudiziario ed amministrativo durato decenni che tentava di salvare i rustici realizzati e di completare la lottizzazione avviata.

Dopo un primo abbattimento eseguito nel 2000, l’intervento di oggi rimuove 10 ville composte da 16 unità abitative per un volume complessivo di circe 10.000 metri cubi per oltre 2.000 metri quadrati edificato su più piani fuori terra oltre a locali interrati e seminterrati.

Il Parco Nazionale del Circeo riconosce al Comune di San Felice di aver sempre avuto una posizione ferma in merito alla vicenda; riconosce la chiarezza delle posizioni perfettamente conformi agli obblighi di legge che in varie sedi ha sempre espresso la magistratura amministrativa e penale;  riconosce inoltre al sindaco Petrucci di aver la dovuta priorità all’azione di abbattimento che indica una precisa volontà politica di doveroso contrasto al fenomeno dell’abusivismo edilizio soprattutto all’interno del Parco.

“L’azione di oggi restituisce a tutti uno straordinario tratto del Promontorio che era deturpato dagli orrendi scheletri di cemento armato con cui si era tentata l’ennesima lottizzazione abusiva”, commenta il commissario del Parco Gaetano Benedetto. “L’abbattimento di un abuso edilizio dev’essere infatti letto non contro qualcuno, ma a favore di tutti, in particolar modo a favore di quei cittadini che si sono fatti carico di rispettare le legge e che troppo spesso rischiano di essere penalizzati a favore di altri cittadini più spregiudicati. Ancora paghiamo le conseguenze del cosiddetto ‘sacco del Circeo’ degli anni ’70 e questi abusi appartengono proprio a quell’epoca. La sfida però non è solo quella degli abbattimenti, ma soprattutto quella della chiusura di migliaia di pratiche di condono che ancora risultano inevase. Di concerto con i Comuni competenti dobbiamo dunque affrontare i casi più complessi e sono sicuro che ora anche nel Comune di San Felice ci sia la volontà politica di procedere in questa direzione. I cittadini  tutti hanno diritto ad una risposta”.

Ricostruzione storica della vicenda

1973

Il Comune di San Felice Circeo rilascia  alla Soc. Maiora III le licenze edilizie per la costruzione di quattro nuclei abitativi separati per un totale di n. 21 appartamenti in Via delle Batterie, sul Promontorio fronte male nell’area del Parco Nazionale denominata Quarto Caldo;

1974

Comunicazioni giudiziarie a due Sindaci e al legale rappresentante della Maiora III, che aveva iniziato la costruzione delle ville (vedi Unità 5 luglio 1974)

1976

Con l’Ordinanza n. 73 del 1976 il comune di San Felice  annulla per lottizzazione abusiva le licenze edilizie. Successivamente con l’Ordinanza n. 125 del 1976 la Soc. Maiora III viene diffidata a demolire le opere già realizzate (diffida non ottemperata).

Nel mese di giugno parte l’operazione “Sacco del Circeo” con centinaia di cantieri sequestrati (Pretore Infelisi), inclusi quelli della Maiora III.

 1986

A seguito di fallimento della Soc. Maiora III, il Tribunale di Roma autorizza la Soc. CTI Srl (aggiudicataria del complesso immobiliare) a presentare istanza di condono edilizio ai sensi della recente legge 47/85.

 1987

La Soc. Acantos S.r.. Immobiliare e Finanziaria s.r.l. con sede in Roma, acquista gli immobili , che erano rimasti allo stato di rustico.

1994

La Soc. Acantos dichiara al Comune di voler completare i lavori a seguito del condono che era stato presentato.  Il Comune respinge l’istanza, diffida a non dar corso ai lavori e ad ottemperare l’Ordinanza di abbattimento mai eseguira.

 1999

Con l’Ordinanza comunale n. 257 del 1999 si dichiarata improcedibile l’istanza di condono edilizio e nuovamente si ordina alla Soc. Acantos la demolizione di tutte e quattro le strutture edilizie denominate A-B-C-D.

 2000

Il Comune di San Felice Circeo procede alla demolizione di 7 delle ville in costruzione e la Soc. Acantos deposita in data 7.03.2000 ricorso al TAR del Lazio sede di Roma contro il Comune per l’annullamento dell’Ordinanza 257/1999.

Il TAR del Lazio accoglie la domanda di sospensione cautelare per la misura demolitoria ed acquisitiva, con il divieto in ogni caso di espletamento di qualsiasi attività edilizia senza la prescritta autorizzazione di legge; trasferisce quindi la competenza al TAR di Latina.

2010

Il TAR Lazio Sez. Staccata di Latina (Sezione Prima) con Decreto 1759 del 09/08/2010  dichiara “perento” (decaduto) il ricorso proposto dalla società ACANTOS contro il Comune di San Felice Circeo.

2011

Con la Direttiva 8066/2011 la Giunta Comunale  dispone affidata al Responsabile del Settore Urbanistica e Pianificazione del Territorio, l’adempimento delle precedenti Ordinanze rimaste inevase. Seguivano quindi una serie di verifiche e riscontri effettuati anche dalla Polizia Locale. Quest’attività portava alla   Determinazione n.195/2011 con si provvedeva all’acquisizione a favore del Comune di San Felice Circeo di tutte le strutture edilizie abusive e  delle aree a queste relative. L’Agenzia del Territorio Ufficio Provinciale di Latina trascriveva quindi a favore del Comune di San Felice Circeo i suddetti beni. Veniva quindi la  disposta la  demolizione delle strutture edilizie a partire dal giorno 12 ottobre 2011.

Il Comune ed il Parco Nazionale procedevano quindi alla verifica di un eventuale interesse pubblico a salvare alcune delle strutture abusive mentre il Parco Nazionale autorizzava gli interventi sulla vegetazione necessari all’apertura del cantiere per la demolizione; Il Parco inoltre  comunicava la disponibilità di una somma di 250.000, proveniente da un fondo del Ministero dell’Ambiente per la repressione dell’abusivismo edilizio nei Parchi Nazionali.

2012

Il Parco Nazionale concorda con il Comune l’importo di € 176.462 per l’esecuzione dell’abbattimento. Sulla base di questo il Comune provvedeva nei termini di legge alla selezione della ditta poi incaricata per l’esecuzione dei lavori.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social