SAN FELICE CIRCEO, LA POLIZIA DI TERRACINA CHIUDE UNA PISTA PER GARE MOTOCICLISTICHE

SAN FELICE CIRCEO, LA POLIZIA DI TERRACINA CHIUDE UNA PISTA PER GARE MOTOCICLISTICHE

Si è finalmente conclusa con la chiusura di una pista per gare motociclistiche sita nel comune di San Felice Circeo, un’attività condotta dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Terracina iniziata all’indomani di un grave incidente motociclistico avvenuto alla fine del mese di gennaio, quando un giovane centauro romano, non ancora maggiorenne, fu ricoverato presso questo nosocomio con lesioni alla colonna vertebrale occorse mentre si allenava.

Gli immediati accertamenti condotti da questa Squadra di Polizia Giudiziaria, effettuati anche a mezzo appositi rilievi di polizia scientifica, portavano al sequestro preventivo del motodromo risultato privo delle previste autorizzazioni comunali, e con la contestuale denuncia del proprietario per lesioni colpose.

A distanza di quattro mesi dal primo incidente, quando a seguito di istanza di dissequestro il motodromo era stato restituito al proprietario ma il provvedimento amministrativo per la sua chiusura, immediatamente richiesto dal Commissariato al Comune di San Felice Circeo, era ancora in corso di istruttoria, un altro grave incidente si verificava nella medesima pista in danno di un trentenne centauro romano, che veniva ricoverato presso l’Ospedale di Latina per  trauma commotivo.

A tale incidente dopo pochi giorni ne è seguito un terzo, vittima un venticinquenne privernese che riportava la frattura di una clavicola; nella medesima circostanza veniva emesso il provvedimento comunale di chiusura del motodromo, notificato in questi giorni al proprietario.

Ora l’uomo, L.M. di anni 40 con precedenti per furto e ricettazione, che faceva pagare ogni accesso 15 euro a motociclista, potrebbe esser costretto a risarcire i gravi danni fisici occorsi ai centauri che, sebbene praticassero uno sport per sua natura pericoloso, tuttavia potrebbero aver frequentato la pista nella non consapevolezza della mancanza di qualsivoglia autorizzazione.

Autorizzazione che, per esser concessa, necessitava di alcuni accorgimenti anche in ordine a minime misure di sicurezza la cui mancanza  questi operatori di polizia giudiziaria avevano acclarato durante l’attività investigativa condotta, che ha richiesto l’escussione di numerosi testi e sopralluoghi di polizia scientifca.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]