FORMIA, ECCEZIONALE PRIMA STAGIONE AL TEATRO REMIGIO PAONE

Da agosto 2011 a marzo 2012 109 eventi teatrali, musicali e culturali, più di 12 eventi al mese di cui 76 totalmente gratuiti, solo 48 con biglietti in vendita a prezzi irrisori, apertura quasi quotidiana con 18000 presenze di pubblico: questi solo alcuni dei dati eccezionali della prima stagione del Teatro Remigio Paone di Formia. Dopo una lunghissima chiusura della struttura, la città gode di uno spazio culturale che in otto mesi ha ospitato spettacoli teatrali, convegni, reading, presentazioni, saggi, eventi di ogni genere con personaggi di caratura nazionale ed internazionale. La struttura è stata a disposizione della città di Formia a titolo gratuito nel 90% dei casi, fatta eccezione della compagnia Bertol Brecht che ha dato un suo contributo economico.

“Non possiamo trascurare i limiti di questo splendido teatro- afferma il presidente dell’Ipab SS Annunziata Raniero De Filippis –, grazie alla Regione Lazio e all’assessore Aldo Forte siamo riusciti a gestire il teatro concedendolo gratuitamente, altrimenti sarebbe stato davvero complicato. Speriamo di poter fare lo stesso anche per la prossima stagione. Ringrazio, inoltre, la Fondazione Alzaia, il nostro ente strumentale e il gruppo che per otto mesi ha lavorato duro perché tutto funzionasse al meglio. Per il futuro – conclude De Filippis –, il Teatro ha bisogno di alcuni interventi di miglioramento e stiamo pensando con il Comune di rivedere le modalità di gestione”.

Grande soddisfazione anche negli ambienti comunali e regionali: “L’apertura del teatro a trecento sessanta gradi è strepitoso, quasi miracoloso. E’ una battaglia su cui abbiamo investito e che vogliamo portare avanti. Una grande stagione che ha puntato sulla qualità e la sana cultura. In un tempo in cui i teatri chiudono, noi andiamo controcorrente e vogliamo crederci”.

Un successo eccezionale, un segno  importante di speranza, un segno di vicinanza e di necessità da parte dei cittadini che con le loro 18000 presenze in pochi mesi hanno dimostrato il bisogno e l’attualità di uno spazio aperto alla cultura.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social