PRESENTATI ALLA STAMPA I LAVORI DI AMPLIAMENTO DEL DEPURATORE DI BORGO PIAVE E LA POSA IN OPERA DI DUE CONDOTTE, UNA IDRICA E UNA FOGNARIA

Si è svolta oggi, presso il depuratore di Borgo Piave, la conferenza stampa per la presentazione dei lavori di ammodernamento dell’impianto e la posa in opera di due nuove condotte, una idrica e una fognaria, a servizio dell’Istituto Agrario “San Benedetto” di Borgo Piave.

«È con grande soddisfazione che presento oggi il risultato di così tanti mesi di lavoro – ha dichiarato in apertura il Presidente di Acqualatina S.p.A., Avv. Giuseppe Addessi – L’intervento sul depuratore ha richiesto 2 anni di impegno e un importo totale di circa 1,3milioni di euro, mentre i lavori sulle condotte hanno visto un investimento di oltre 650mila euro, di cui 390mila finanziati dalla Provincia di Latina. Un investimento importante, dunque, che ha avuto l’obiettivo di aumentare la potenzialità di trattamento dell’impianto, così da fronteggiare l’incremento di richiesta da parte dell’utenza e, tramite le condotte, portare i servizi idrico e fognario a utenze non ancora servite.


I lavori, che hanno permesso l’ampliamento dell’impianto sino a 7.500 abitanti equivalenti, si inseriscono in un progetto più ampio che prevede di accrescere la potenzialità del depuratore sino a 15mila abitanti equivalenti mediante la realizzazione di nuovi manufatti e all’adeguamento di quelli esistenti – ha proseguito Addessi. L’ampliamento del depuratore è stato completamente finanziato da Acqualatina e quindi dal pagamento delle bollette degli utenti di tutto il territorio, e rappresenta un’esemplificazione evidente del concetto di mutualità insito nella struttura stessa dell’ATO e del senso di responsabilità dei Sindaci che sostengono, attraverso l’approvazione in Conferenza dei Sindaci, gli investimenti prioritari anche quando dovessero riguardare Comuni diversi dal loro».

«Questi interventi offrono supporto a una porzione rilevante del territorio del comunale come Borgo Piave – ha affermato poi l’ingegner Giovanetti, Dirigente della Segreteria Tecnica Operativa – Si tratta di un importante investimento a servizio del territorio e conferma il buon funzionamento dell’ATO n.4 e della Conferenza dei Sindaci che, tra l’altro, in questi giorni sono in fase di consultazione per predisporre il Piano degli Investimenti dei prossimi anni».

Ha poi preso la parola il Preside dell’Istituto Agrario “San Benedetto” di Borgo Piave, il Prof. Nicola Di Battista. «Ringrazio l’ATO e, in particolar modo, il Presidente Cusani per aver fortemente voluto la realizzazione di questo intervento. Si tratta di un’opera fondamentale che fa voltare pagina all’Istituto, grazie alla fornitura di servizi di cui sinora non poteva usufruire».

«Voglio girare i ringraziamenti del Preside all’ingegner Giovannetti – ha dichiarato, infine, il Presidente dell’ATO4, Armando Cusani – poiché ha sollecitato più volte la realizzazione di questo progetto e l’ha seguito in prima persona sin dall’inizio. Ma vorrei ringraziare anche il Gestore per aver portato avanti i lavori con impegno e sapienza tecnologica e innovativa. Mi preme sottolineare, inoltre, che questa, così come tante altre opere già realizzate e di futura realizzazione, come ha già rimarcato il Presidente Addessi, è l’esempio del forte senso di responsabilità dei Sindaci dell’ATO4, nonché della solidarietà territoriale. Un modello di autodeterminazione oculato e di successo, che tiene nella giusta considerazione la sostenibilità ambientale ma anche sociale, vista l’attenzione rivolta alle utenze deboli attraverso la tariffa agevolata e il fondo sociale della Provincia di Latina».