LAZIO, ASILI NIDO: AL VIA LE AUDIZIONI PER LA NUOVA LEGGE QUADRO

La Commissione Lavoro, pari opportunità, politiche giovanili e politiche sociali, presieduta da Maurizio Perazzolo (Lista Polverini), ha stabilito il percorso per l’esame della nuova legge quadro sugli asili nido (PL n. 74), d’iniziativa dello stesso Perazzolo, scelta lo scorso 11 ottobre, tra le quattro proposte di legge presentate. “Meglio dedicare alle audizioni un giorno in più che un giorno in meno, data l’importanza del tema – ha esordito Perazzolo nel corso della seduta odierna – Dopo di che passeremo all’esame dell’articolato”.

“Questa proposta di legge ha soprattutto un aspetto virtuoso – ha proseguito Perazzolo – : abroga le leggi precedenti, vecchie anche di 35/40 anni, facendo chiarezza nella normativa del settore. Inoltre, la proposta tiene conto dei parametri relativi alle regioni più virtuose. Comunque, siamo aperti a tutti i ragionamenti del caso che ci permettano di giungere a una soluzione il più possibile condivisa dagli operatori del settore e che risponda alle esigenze delle famiglie. Un piano regolatore degli asili nido servirà a riequilibrare la presenza di strutture sul territorio e gli spazi esistenti”. Le opposizioni invece vedono nel provvedimento il tentativo di privatizzare gli asili nido sul territorio laziale. Nel metodo, non è stata digerita la scelta della proposta Perazzolo come testo base, anziché passare all’esame abbinato delle quattro proposte di legge presentate.

“Avremmo preferito un lavoro diverso, senza braccio di ferro”, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Tonino D’Annibale (Pd), primo firmatario di una delle proposte dell’opposizione, il quale ha comunque apprezzato la scelta di dedicare più tempo alle audizioni, prima di passare all’esame dell’articolato. Dello stesso tenore l’intervento di Fabio Nobile (Fds), primo firmatario di una delle quattro proposte presentate. Per Luigi Nieri (Sel), “bisognerà fare una seria riflessione alla fine del ciclo di audizioni, per non peggiorare l’esistente. Sono settori delicati – ha ammonito Nieri – sui quali bisogna porre molta attenzione”. Anna Maria Tedeschi (Idv) ha posto l’accento sul sostegno che deve giungere ai giovani dal legislatore di una regione in cui il tasso di natalità è molto basso, “per affrontare la maternità e la paternità nel modo più sereno possibile”, come ha concluso la Tedeschi.

Presenti, oltre al presidente Perazzolo, i vicepresidenti Annalisa D’Aguanno (Pdl) e Tonino D’Annibale (Pd), i consiglieri Gina Cetrone (in sostituzione di Isabella Rauti, Pdl), Luigi Nieri (Sel), Fabio Nobile (Fds), Olimpia Tarzia (PER-Politica Etica Responsabilità), Anna Maria Tedeschi (Idv).

You must be logged in to post a comment Login

h24Social