LA GEOTER GAETA TORNA ALLA VITTORIA TRA LE MURA AMICHE: SCONFITTA PALERMO 29-25

E così, ancora una volta giocare al cospetto del Cus Palermo porta bene alla Geoter Gaeta. Perché se in terra sicula arrivò la prima vittoria esterna, al PalaAmendola è arrivata la prima vittoria piena interna stagionale. Infatti paradossalmente i biancorossi trovano maggiore difficoltà a festeggiare tra le mura amiche, visto che l’ultimo sorriso risale al lontano 15 ottobre, contro l’Altamura ed ai rigori. Questa volta, invece, è stato tutto diverso. Trascinata dalle reti di Yant ed Onelli, entrambi a quota 7, i gaetani hanno subito fanno sentire la propria voce, imprimendo un marcato ritmo di gioco contro il quale nulla ha potuto la compagine universitaria. I tentativi di reazione degli avversari sono stati sempre spenti dagli interventi di Amendolagine, che in più di un’occasione ha abbassato la saracinesca facendo svanire ogni possibilità di rimonta.

Le parole chiave dei primi 10′ sono lunga fase di studio e difesa pressante, tanto da terminare sul 3-3, con la prima rete di Gottuso (miglior realizzatore a quota 8) arrivata dopo ben tre giri di lancette. Si prosegue sulla scia dell’equilibrio ma con i padroni di casa sempre con il muso avanti, prima che al 16′ i palermitani tentino la fuga, 6-7, costringendo la panchina locale al timeout. Gli effetti sono immediati, parità, sorpasso e poi un break di 6-0, 12-7 al 23′, con Onelli protagonista, che mette al sicuro il vantaggio per il primo tempo. Vantaggio che, nonostante il tentativo di reazione dei ragazzi di Pezzer, viene conservato al 28′, 14-9, ed al ritorno negli spogliatoi, 15-10.

Si riparte ed è ancora il Cus a sbloccare, stavolta con Ioppolo, ma i gaetani non rimangono a guardare e riprendono a correre. Una cavalcata che equivale ad un nuovo 6-0, 21-12, con un digiuno ospite dal gol dovuto alle reattive parate di Amendolagine. È il parziale decisivo, Palermo non trova la strada giusta e commette qualche errore di troppo al tiro, Gaeta non molla la presa e piazza il massimo vantaggio al 18′, 27-17. Sembra finita, ma non è così. Biondo sale in cattedra, sbarrando più volte la strada ai laziali e dando vita a veloci quanto micidiali contropiede che riducono il distacco a -5, 27-22, al 23′. Ma è solo un’illusione. Ordinaria amministrazione e gestione del risultato, ed al fischio della sirena finale il tabellone premia la Geoter sul 29-25.

Sabato prossimo si vola in Sicilia per far visita al fanalino di coda Haenna.

GEOTER GAETA – CUS PALERMO 29-25 (p.t. 15-10)

GEOTER GAETA: D’Ovidio, Percuoco 1, Recchiuti 3, Horvath 2, Yant 7, Matarazzo 4, Onelli 7, Panariello 4, Amendolagine, Antetomaso 1, Tiralongo, Ponticella, Fiorenzano, Bettini. All. Medina

CUS PALERMO: Errante, Lodato, Krasovec 6, Di Gregoli 2, Scirè 2, Quaranta D., Gottuso 8, Biondo, Ioppolo 2, Lipari, Quaranta A. 5, Pupillo. All. Pezzer

ARBITRI: Simone-Monitillo

You must be logged in to post a comment Login

h24Social