IL FONDI BLOCCA SULL’1-1 LA CAPOLISTA PERUGIA

scritto da Daniele Mosconi

AGGIORNAMENTO – Segnatevi questa formazione: Gasparri, Palumbo, Dionisio, Schettino; Alleruzzo, Cucciniello, Rossini (88′ Grillo), Pacini (71′ Iovinella); Vaccaro, Konate; Ricciardo (83′ Formuso). Questi ragazzi al “Curi” di Perugia hanno scritto la storia del Fondi calcio. Domenica se si vuol far un regalo orginale, venite in massa allo stadio e donate loro un applauso perchè se lo meritano tutto.

Prestazione tutto cuore quella di questi ragazzini terribili (nell’11 titolare c’era una media di 23,3 anni) che escono da questa trasferta impossibile con un punto che non solo fa morale, ma allontana ormai quasi definitivamente la nostra squadra dalla zona retrocessione. E pensare che c’è qualcuno che ancora non è soddisfatto.

Piaccia o meno, Capuano da quando è arrivato a Fondi, ha sconvolto questo gruppo dando una fisionomia che rende questi ragazzi sicuri di ciò che fanno. Corrono come dannati su ogni avversario, quasi non sentono la stanchezza di una stagione stressante.

Spesso il tecnico di Pontecagnano ama dire: qui sto facendo un miracolo migliore di quello fatto a Sora, tanti anni fa. Non ha tutti i torti. Magari non ci rendiamo conto che ieri, tolto Schettino, c’erano dieci giocatori della rosa di inizio stagione.

La mentalità dilettante di parte della città è dura da estirpare, me ne rendo conto, ma alle volte sento parlare con orgoglio (!!) di campi impolverati, dimenticando che quello era il passato. Chi vive guardandosi indietro, non potrà mai godersi questi pareggi storici al “Curi” di Perugia. Signori miei, se giochiamo contro Catanzaro, Vigor Lamezia o lo stesso Perugia, non possiamo continuare a pensare ad Anitrella o Boville, perchè altrimenti rimarremo sempre una città piccola piccola. Dedico loro questa massima di un grande scrittore, Oscar Wilde: “Il solo fascino del passato è il fatto che è passato”. Aggiungo io: appunto!

Sui siti di riferimento di Perugia, si parla di capolavoro tattico della squadra rossoblù. Oppure pareggiare a Perugia è cosa da poco?

Mi scuserete, ma avevo un sassolino che dava fastidio.

E ora lasciatemi elogiare tutti, uno ad uno, questi ragazzini, a partire da Gasparri, prova superlativa la sua, ma d’altronde quando giochi contro la capolista, è normale essere circondati e qualche tiro arriva. Si è riscattato, il portiere di proprietà del Parma, dopo alcuni svarioni (vedi Mugnano contro la Neapolis).

La partita, come era normale che fosse, l’ha fatta il Perugia. Dopo aver trovato il gol alla fine del primo tempo con Cacioli (giocatore che all’andata fece un’ottima impressione), gli umbri erano convinti di avere la partita in mano. Errore che non si deve mai fare, specie con squadre che si devono salvare. Da segnalare che il vantaggio dei padroni di casa è arrivato grazie ad un calcio d’angolo che non c’era ma noi siamo superiori anche a queste piccole beghe da squadre di categoria superiore.

Vi invito a vedere il gol del pareggio, dove vedrete la presunzione dei giocatori umbri, gestire un pallone in maniera parrocchiale. C’è tutto lo spirito di una squadra mai doma. Sembra di vedere un film, con un Vaccaro indemoniato che non si arrende alla sconfitta, lotta sul filo del fallo laterale, riesce a vincere il duello contro le belle statuine umbre e servire Konate. Il ragazzo ivoriano negli spazi è devastante, approfitta del colpo di sonno collettivo del reparto arretrato di Battistini e serve Ricciardo. Il bomber siculo, con un colpo di testa beffardo, fa esultare la panchina fondana e anche quei sei temerari che non hanno avuto paura di arrivare anche in Umbria, sapendo che non avrebbero sentito neanche l’odore del campo. Decimo gol stagionale per Giovanni Ricciardo, il record è arrivato. Mai aveva fatto così tanti gol in carriera da quando gioca nei professionisti. Al triplice fischio finale, Battistini aveva un diavolo per capello: contro Capuano non ha mai vinto.

Il pareggio di domenica porta a sei i risultati utili consecutivi, dove il Fondi ha conquistato 12 punti. Domenica arriva il Fano, altro avversario tosto. Vorremmo vedere le tribune più piene, perchè come detto prima, questi ragazzi meritano questo ed altro.

Ps: La partita di Perugia è arrivata dopo che in settimana si era giocato a Melfi (non proprio dietro l’angolo). Capuano ha avuto a disposizione neanche due giorni per preparare la partita, mentre la capolista è stata una settimana intera ad allenarsi per questa incontro. Erano assenti Tamasi, Rinaldi e Chiarini. Scusate, ma c’era questo brecciolino che mi era rimasto.

PERUGIA – FONDI 1-1

PERUGIA: Giordano, Anania, Zanchi, Mocarelli (14′ st Luchini), Cacioli, Russo, Moscati (39′ st Moneti), Borgese, Bueno, Clemente, Ferri Marini (25′ st Padovani). All. Battistini

FONDI: Gasparri, Palumbo, Pacini (26′ st Iovinella), Cucciniello, Schettino, Dionisio, Alleruzzo, Rossini (43′ st Grillo), Ricciardo (38′ st Formuso), Konate, Vaccaro. All. Capuano

ARBITRO: Morreale di Roma 1

ASSISTENTI: Barbetta di Albano Laziale – Di Federico di Lodi

MARCATORI: 44’pt Cacioli, 8’st Ricciardo

NOTE: ammonito 21′ Pacini (F)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social