MINTURNO, STALKING: I CARABINIERI ESEGUONO UNA MISURA CAUTELARE NEI CONFRONTI DI UN 45ENNE

I carabinieri della Stazione di Minturno, coordinati dal Comando Compagnia di Formia, nella serata di ieri, venerdì 3 febbraio, hanno eseguito un’ ordinanza di applicazione del divieto di avvicinamento  nei confronti di, T.A., 45enne pregiudicato di Ausonia, per il reato di stalking continuato in concorso, nei confronti della propria ex moglie.

I fatti cominciano nei primi giorni di inizio del nuovo anno, quando T.A., non rassegnato dalla recente separazione con la propria ex moglie, residente a Minturno, comincia ad attuare una serie di comportamenti a dir poco invasivi, fatti di appostamenti sotto casa, sms di minaccia, continue chiamate dai toni offensivi. Nemmeno il trasferimento della donna presso amici ha fatto desistere l’uomo, che ha continuato a seguirne tutti gli spostamenti, con una cadenza quotidiana, 24 ore su 24.

In alcuni casi lo stalker è arrivato persino d entrare in casa della ex moglie minacciandola pesantemente nel caso non fosse ritornata con lui.

Solo il lavoro meticoloso della Stazione di Minturno, che ha ricostruito l’intera vicenda, procedendo a raccogliere testimonianze e svolgere approfonditi accertamenti, suffragati da elementi oggettivi e reali, ha permesso di richiedere una misura cautelare personale nei confronti dell’uomo, emessa dal Gip del Tribunale ordinario di Latina, che ha sposato in pieno al tesi accusatoria della Procura della Repubblica di Latina sulla base della complessa attività investigativa svolta dalla Stazione Carabinieri di Minturno.

Ora per lo stalker vige il divieto assoluto di avvicinarsi alla propria ex consorte, nonché sostare nei pressi della sua abitazione o dei luoghi da essa frequentati. Inoltre vi è un  divieto di comunicazione con qualsiasi mezzo. Misure necessarie visti i comportamenti dell’ex marito, talmente gravi da generare nella donna un perdurante stato d’ansia e timore per la propria incolumità.