COPPA ITALIA: CAPORICCIO FUORI PER UNA SOLA RETE NELLA DOPPIA SFIDA CON L’AMBRA PRATO

(@foto azzband)

Non è bastata la grande determinazione degli atleti dell’HC Caporiccio Fondi a ribaltare il pronostico della vigilia, che voleva l’Ambra alle Final Four di Coppa Italia. I toscani hanno eliminato i rossoblù nella doppia sfida valevole per i quarti di finale grazie alla differenza-reti e con una sola lunghezza a loro favore. Eppure la qualificazione è stata in bilico fino agli ultimi istanti di gioco della partita di ritorno, giocata a poco più di quindici ore di distanza dalla gara di andata. Entrambe le partite hanno avuto un andamento analogo, con una prevalenza nel punteggio dell’Ambra nel primo match e della Caporiccio nel secondo: i toscani hanno più volte raggiunto il +5 nella gara di andata, gli ospiti si sono portati fino al +6 nel ritorno. L’incontro di sabato ha visto partire forti gli atleti dell’Ambra, che dovevano fare a meno del ceco Bednarek: gli uomini di Morlacco si portavano sul 4-1 e poi sul 10-6 dopo 11’ di gioco; a quel punto i rossoblù, privi di Vincenzo e Gianluca Di Manno, quest’ultimo in panchina solo per onor di firma, iniziavano a dare continuità al loro gioco. Sospinti dal capitano Di Manno e da D’Ettorre gli ospiti recuperavano il distacco e si portavano avanti sull’11-12 al 18°, mantenendo il vantaggio fino al 13-14 del 22°. Una nuova accelerazione dei poggesi e alcuni errori di troppo dei rossoblù riportavano avanti i locali, che chiudevano sul 19-17 la prima frazione. La ripresa iniziava alla stessa maniera, con i toscani che allungavano fino al +5 (25-20 al 7°) grazie anche agli interventi del portiere della Nazionale Di Marcello e gli ospiti che cercavano di rimanere in partita; gli sforzi dei fondani producevano una rimonta che si interrompeva però sul -1 al 24° (29-28), poi ancora al 27° (31-30) e fino al 32-31 del 28°. La maggiore esperienza dei toscani veniva fuori nelle ultime battute del match e permetteva loro di sfruttare qualche errore degli ospiti e chiudere sul 34-31, con un vantaggio che si sarebbe rivelato decisivo.

Il match di ritorno, disputatosi sempre nel Palasport di Prato, è stato ugualmente equilibrato ed ha illuso a lungo i fondani di poter fare il colpaccio. Anche in questo incontro partivano forte i giocatori dell’Ambra, decisi a sbrigare subito la pratica qualificazione; i rossoblù tuttavia rispondevano colpo su colpo e si portavano avanti sul 4-3 al 9° e sul 7-5 al 15°, sfruttando al meglio una doppia superiorità numerica. La difesa 5+1 ordinata da De Santis, che riservava a Bisori la marcatura individuale, portatagli ottimamente dal giovane Pestillo, metteva in difficoltà il gioco offensivo dei poggesi, che in questa fase della gara erano tenuti a galla dall’ottimo Basic, autore elle reti del nuovo pari (7-7 al 17°). Il forte pivot croato non riusciva però ad evitare che i rossoblù operassero un nuovo break che li portava fino al +5, raggiunto al 29° sul 16-11. Un ingenuo errore in attacco dei fondani e un veloce contropiede dell’Ambra finalizzato da De Stefano chiudevano il primo tempo sul 16-12. Nei primi minuti della ripresa si consolidava il vantaggio della Caporiccio, che raggiungeva il +6, ma i toscani riprendevano a difendere bene e grazie anche alle parate di Trinci, migliore in campo dei suoi, si riportavano sul -2 già al 7°. Per alcuni minuti il vantaggio dei laziali oscillava tra le due e le tre reti, mantenendo aperti i giochi per la qualificazione; a metà tempo i biancoverdi si portavano sul -1 e il passaggio alle Final Four sembrava ormai ipotecato. La doppia marcatura a uomo su Bisori e Maraldi e alcune buone trame offensive consentivano però ai rossoblù di rimettere le mani sulla qualificazione, grazie a una rete di Zizzo al 26°. Gli ultimi minuti di gioco erano molto emozionanti: un rigore realizzato da Maraldi e una bella rete di De Stefano mettevano fine ai sogni dei fondani, la rete di Campins che fissava il punteggio sul definitivo 30-28 a 30” dalla fine non faceva altro che aumentare le recriminazioni in casa fondana. Resta l’amaro in bocca alla Caporiccio per una qualificazione sfiorata e poi sfuggita per qualche errore di inesperienza; ma anche la consapevolezza di aver dimostrato di saper giocare alla pari con una squadra di categoria superiore. Non c’è spazio tuttavia per le recriminazioni in casa Caporiccio, da questa settimana, dopo i due giorni di meritato riposo concessi da mister De Santis,  si tornerà a pensare al campionato che riprenderà il prossimo 4 febbraio.

Sabato 14 Gennaio 2012 – Prato

Pallamano Ambra – HC Caporiccio Fondi 34-31 (p.t. 19-17)

Pallamano Ambra: Di Marcello, Mannocci, Bisori 4, Cipriani 3, Carmignani 3, Chiaramonti 1, Dei 8, Faggi, Giovanchelli, Maraldi 6, De Stefano 2, Basic 7, Liccese, Fagioli.   All: Morlacco

HC Caporiccio Fondi: D’Angelis G, D’Angelis R, Gionta, Di Manno S. 10, D’Ettorre 7, Molineri 1, Panariello 2, Vieyra 2, Campins 5, Zizzo 4, Pinto, Lauretti, Pestillo.       All: De Santis

Arbitri: Tanasescu – Zappaterreno

Domenica 15 Gennaio 2012 – Prato

HC Caporiccio Fondi – Pallamano Ambra 30-28 (p.t. 16-12)

HC Caporiccio Fondi: D’Angelis G, D’Angelis R, Gionta, Di Manno S. 5, Di Manno G, D’Ettorre, Molineri 7, Panariello 3, Vieyra 4, Campins 7, Zizzo 3, Pinto, Lauretti, Pestillo 1.    All: De Santis

Pallamano Ambra: Di Marcello, Trinci, Ballini 1, Bisori 4, Cipriani 1, Chiaramonti 1, Dei 3, Faggi, Giovanchelli, Maraldi 6, De Stefano 6, Basic 6.     All: Morlacco

Arbitri: Tanasescu – Zappaterreno

You must be logged in to post a comment Login

h24Social