CAMORRA: IL GRUPPO DELLA GUARDIA DI FINANZA DI FORMIA ARRESTA DUE LATITANTI CLAN MAZZARELLA

CAMORRA: IL GRUPPO DELLA GUARDIA DI FINANZA DI FORMIA ARRESTA DUE LATITANTI CLAN MAZZARELLA

*Comandante Luca BRIOSCHI*

E’ stata eseguita la cattura di due pericolosi latitanti appartenenti alla camorra, Pasquale MAZZARELLA ed Clemente AMODIO, ad opera della Guardia di Finanza coordinata da questa DDA.

L’operazione condotta dai militari del Nucleo Mobile del Gruppo della Guardia di Finanza di Formia, coadiuvati dall’ U.D.Y C.O. (organo di polizia spagnolo) per la delicatezza dell’obiettivo e la pericolosità dei latitanti in questione, è stata possibile anche grazie al collegamento tra le autorità giudiziarie italiana e spagnola.

MAZZARELLA Pasquale ed AMODIO Clemente, esponenti di spicco della nota e agguerrita famiglia dei “MAZZARELLA” operante in diversi quartieri della città di Napoli, avevano stabilito -anche in ragione di una latitanza che si protraeva per il primo da oltre tre anni e per il secondo dalla primavera del 2011- la propria base operativa e la sede dei propri affari nella provincia di Malaga e, più precisamente, nel Comune di Marbella, da dove curavano gli interessi economici della famiglia dedicandosi principalmente all’importazione di sostanze stupefacenti.

In particolare, MAZZARELLA Pasquale era stato costretto a rifugiarsi in Spagna per continuare a rappresentare la medesima organizzazione negli scenari camorristici napoletani, sottraendosi agli ordini di cattura spiccati da diverse Procure, mentre AMODIO Clemente, figura di primo piano del clan di appartenenza, era attuale responsabile dell’area cittadina di San Giovanni a Teduccio.

MAZZARELLA Pasquale ed AMODIO Clemente hanno scalato le gerarchie criminali dopo che le indagini condotte nei confronti della famiglia “MAZZARELLA” avevano portato all’azzeramento dei suoi vertici, ed hanno assunto il ruolo di capi della costola operante in territorio iberico del citato clan, dedicata alla gestione ed organizzazione delle importazioni di stupefacenti verso il territorio nazionale, potendo contare sull’affiliazione di altri pluripregiudicati, appartenenti alla medesima organizzazione, e sui consolidati rapporti con i trafficanti di droga nordafricani operanti in Costa del Sol, crocevia principale a livello mondiale per il traffico di stupefacenti provenienti dal vicino Marocco, nonché dalla cosiddetta “rotta colombiana”.

L’arresto operato è stato frutto di capillari attività investigative, che hanno portato all’acquisizione di significativi elementi, tali da far ritenere certa la presenza dei latitanti nella rinomata regione costiera della Spagna sud-occidentale divenuta, da tempo, luogo di rifugio dei più grandi boss della camorra napoletana.

Gli uomini del Nucleo Mobile del Gruppo della Guardia di Finanza di Formia hanno dato esecuzione alla delega ricevuta dalla Direzione Distrettuale Antimafia e, partendo da attività attuate nel basso Lazio e in Campania, sono riusciti a ricostruire una capillare e fitta rete di contatti che, nel tempo, hanno consentito il felice esito dell’operazione.

Le indagini, tuttora in corso, puntano all’individuazione dei collaboratori e dei soggetti affiliati nonché di coloro che avevano fornito appoggio ai due latitanti.

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO – Guardia di Finanza di Formia sequestra 150 chili di hashish e arresta cinque persone – 29 marzo 2011 – )

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }