A CORI PREMIATI I VINCITORI DEL DECIMO CONCORSO NAZIONALE “CORTI E DOC – MAURIZIO POGGIALI”

Il Concorso Nazionale di Cortometraggi Etici e Civili “Corti e Doc – Maurizio Poggiali” si è chiuso con la premiazione dei quattro finalisti nella splendida cornice della Chiesa di Sant’Oliva di Cori. L’iniziativa in memoria dell’ufficiale e poeta Maurizio Poggiali caduto l’8 agosto 1997 nell’incidente aereo su Monte Lupone, nei dintorni di Cori, registra oramai un’altissima qualità, come testimoniano i prodotti cinematografici che giungono sul tavolo della giuria Poggiali.

Il premio più ambito quest’anno è stato ritirato da Domenico De Pasquale, meglio conosciuto al grande schermo come Mingo, che per la sua prima regia intitolata “L’anniversario” ha scelto di indurre i giovani a riflettere sul tema della sicurezza stradale.

Un argomento riconosciuto a forte valenza sociale e che l’inviato di “Striscia la Notizia” ha affrontato con ironia e leggerezza, esortando lo spettatore a considerare l’enorme valore della vita, troppo spesso messa a repentaglio da comportamenti sconsiderati alla guida.

Oltre a Mingo, protagonisti del corto sono, tra gli altri, Serena Galitta, vincitrice del Grande Fratello 4, e Moreno Morello, altro inviato del Tg satirico di Antonio Ricci.

Era la decima edizione e per l’occasione è stato proiettato il documentario “L’aviatore poeta”, dedicato al capitano dell’Aereonautica Militare Italiana dal fratello Fabio Poggiali, conduttore e direttore artistico della manifestazione.

In occasione del decennale anche l’Amministrazione comunale, rappresentata dal primo cittadino e dal Delegato alla Cultura Giorgio Chiominto, ha voluto donare una targa ricordo ai familiari fondatori dell’Associazione Maurizio Poggiali, ideatrice di questo premio organizzato in collaborazione con il Comune di Cori e il sostegno della Regione Lazio e della Provincia di Latina.

Sulla scia del messaggio lanciato dal filmato vincitore il sindaco Tommaso Conti ha sottolineato che: “Il modo migliore per ricordare Maurizio Poggiali è quello di avere rispetto per la vita, propria e degli altri, adottando sempre comportamenti accorti alla guida di qualsiasi mezzo e bandendo qualunque forma di eccesso ed imprudenza”.

Premiati anche Adriano Sforzi con il corto “Jody delle Giostre”, l’opera prima di Maria Grazia Cucinotta “Il maestro” e il filmato “Piazza della Resistenza” dell’omonimo Istituto Superiore di Monterotondo (Roma).

You must be logged in to post a comment Login

h24Social