SCAURI: ARRESTATO UN 21ENNE PER SPACCIO DI DROGA E UN VENTENNE PER RESISTENZA

AGGIORNAMENTO  – I carabinieri della Stazione di Scauri, impegnati in servizio di controllo del territorio per la prevenzione  e repressione di reati, in considerazione anche nel notevole afflusso di persone, in occasione della ricorrenza festiva, nella serata, notavano, in località Pantano Arenile, in Marina di Minturno, due giovani che, dal loro modo di fare, insospettivano i  militari.

La pattuglia decideva di intervenire ed aveva modo di verificare lo spaccio di sostanze stupefacenti tra i due giovani che, alla vista dei militi, tentavano di dileguarsi. I Carabinieri riuscivano a bloccarli nonostante gli stessi opponessero resistenza. Essi venivano identificati in V.I., ventenne del luogo, incensurato e G.D., coetaneo, di Santi Cosma e Damiano, pregiudicato, rispettivamente spacciatore ed acquirente della droga che, nonostante il tentativo di G.D. di disfarsene, veniva recuperata e sequestrata, risultando essere 5 grammi di hashish.

In considerazione di quanto verificatosi, e che il V.I., abitava proprio nella località dell’evento, i militari, non escludendo che potesse esserci altro stupefacente in casa, decidevano di procedere ad una perquisizione domiciliare.

L’operazione veniva condotta anche con l’ausilio dell’unità cinofila antidroga messa immediatamente a disposizione dalla Guardia di finanza di Formia e, proprio grazie all’intuito degli operanti ed al fiuto del cane, in casa del giovane fermato, si rinvenivano altri 7 grammi circa, di hashish, occultati nel terreno in giardino e 10 piante di canapa indiana, in altrettanti vasi nascosti tra le altre coltivazioni.

V.I. e G.D. venivano tratti in arresto, rispettivamente, per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e  resistenza a P.U., mentre D.A.R., cinquantenne, madre del primo arrestato, ritenuta non estranea alle attività del figlio, veniva deferita in stato di libertà, per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti.

Gli arrestati, su disposizione del Sostituto Procuratore di Turno presso la Procura della Repubblica – Tribunale di Latina, venivano trattenuti nelle camere di sicurezza della locale Stazione CC, in attesa del rito direttissimo, fissato per quest’oggi presso il Tribunale di Gaeta.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social